Zaia inaugura nuovi laboratori Zooprofilattico Venezie


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Padova, 20 mar. (AdnKronos Salute) - "Tra le grandi sfide a cui è chiamata la nostra società c'è quella della sicurezza alimentare. Il Veneto è la seconda realtà agricola italiana, il 40% delle carni prodotte in Italia proviene dalla nostra regione. In questo settore le aziende venete valgono circa 6 miliardi di euro. La parola agricoltura da noi non è un amarcord, ma significa realtà, innovazione, imprenditoria anche giovanile. Per questo la nuova Asse laboratori dell'Istituto zooprofilattico delle Venezie è una grande opera, che sarà importante riferimento per tutto il settore produttivo". Parola del governatore Luca Zaia, intervenuto oggi a Legnaro all'inaugurazione dell'Asse centrale laboratori dello Zooprofilattico sperimentale delle Venezie. Un'opera realizzata su una superficie di 4.500 metri quadrati distribuiti su 3 livelli, grazie a un investimento di oltre 7 milioni di euro. I lavori sono iniziati nell'ottobre del 2016 e si sono conclusi a fine 2018.

"Dalla sicurezza alimentare - sottolinea il presidente della Regione Veneto - non può essere disgiunto il grande tema delle malattie infettive veterinarie, con i problemi che possono rappresentare nella convivenza tra uomo e animali. Quello che viene fatto in questi laboratori è un lavoro unico. Spiace constatare come spesso noi siamo malati di esterofilia e finiamo col ritenere che le cose migliori siano sempre in altri paesi. Dopo magari si guardano i dati reali e ci si accorge che non è così. Questo vale anche per la rete dei controlli veterinari: la verità è che quelli più precisi, più puntuali e regolari, soprattutto più rispettosi del mandato sono quelli fatti nei nostri istituti".

La struttura inaugurata, che tra le varie attività ospita anche il Laboratorio di riferimento europeo per l'influenza aviaria e alcuni centri collegati alla Fao e all'Oie, Organizzazione mondiale della sanità animale, è un nuovo traguardo d'eccellenza dell'Istituto triveneto che - per il Veneto, il Trentino Alto Adige e il Friuli Venezia Giulia - è deputato a tutelare la salute pubblica interfacciandosi con allevatori e sanitari per i problemi collegati all'attività zootecnica, occupandosi di prevenzione, ricerca e assistenza nel campo della sicurezza alimentare, del benessere animale e delle problematiche connesse all’interazione uomo-animale. Realizzata nel grande complesso della sede centrale (cui fanno riferimento 400 lavoratori dei 650 di tutto l'ente), l'Asse centrale laboratori si articola in nuovi e moderni locali, riservati ad attività scientifiche, sanitarie e tecniche, dove lavorano oltre 80 operatori fra medici veterinari, biologi, tecnici di laboratorio e personale amministrativo.