World Allergy Congress 2018—L'integrazione di LC-PUFA in gravidanza riduce sibilo e asma nella prole


  • W. Todd Penberthy, Ph.D.
  • Conference Reports
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L'integrazione giornaliera di acidi grassi polinsaturi a catena lunga (long-chain polyunsaturated fatty acid, LC-PUFA) nelle donne in gravidanza a partire dalla settimana 24 riduce il rischio di sibilo o asma persistenti di un terzo nella popolazione generale tra i 3 e i 6 anni e del >50% nei soggetti con i livelli minimi iniziali di acido eicosapentaenoico o con il genotipo della desaturasi degli acidi grassi AA/AG.
  • L'integrazione giornaliera di acidi LC-PUFA nelle donne in gravidanza a partire dalla settimana 24 riduce il rischio di sviluppare infezioni delle basse vie respiratorie. 

Perché è importante

  • Non vi sono interventi sulle madri in gravidanza noti che abbiano dimostrato di ridurre il rischio di asma nei bambini. 

Disegno dello studio

  • Le donne in gravidanza (n=736) sono state assegnate a un placebo giornaliero (olio d'oliva) o all'integrazione di LC-PUFA (4 g) a partire dalla settimana 24.
  • I pazienti sono stati monitorati ogni 6 mesi fino a 6 anni per sibilo e asma.
  • Il QI cognitivo è stato esaminato a 2,5 anni. 

Risultati principali

  • Lo sviluppo di sibilo/asma persistente era ridotto a 3 anni (HR: 0,69; IC al 95%: 0,49-0,97; P=0,035) e a 6 anni (HR: 0,66; IC al 95%: 0,47-0,91; P=0,011).
  • Le misure endpoint secondarie hanno rivelato un rischio ridotto di sviluppare infezioni delle basse vie respiratorie (HR: 0,75; IC al 95%: 0,58-0,98; P=0,003) e un aumento nel QI cognitivo dei maschietti a 2,5 anni d'età. 
  • Non è stato osservato alcun evento o effetto avverso su eczema, sensibilizzazione allergica, rinite allergica o funzione polmonare.

Limiti 

  • Studio monocentrico.