Violenza su medici, appello Omceo Napoli a Conte per decreto immediato


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 2 gen. (Adnkronos Salute) - "Non ci resta che fare un appello al premier Conte per un decreto legge del Governo che in prima battuta crei l'attenzione, fino ad oggi mancata, del Parlamento così da investirlo della questione della violenza sui medici e gli operatori sanitari. Occorre intervenire subito. Non possiamo più essere il bersaglio, come accaduto a Napoli a Capodanno, di vere aggressioni". A lanciare l'appello attraverso l'Adnkronos Salute è Silvestro Scotti, presidente dell'Ordine dei medici di Napoli. "Possiamo anche comprendere che in queste settimana c'era la legge di Bilancio e il Milleproroghe, ma - aggiunge - è da oltre un anno che è fermo un disegno di legge contro la violenza sui medici. Magari in questi giorni si poteva calendarizzarlo".

Una dottoressa in servizio nel pronto soccorso dell'ospedale San Giovanni Bosco di Napoli è stata aggredita la sera del 31 dicembre da un uomo, paziente psichiatrico. Nel capoluogo campano c'è una situazione più 'calda' rispetto al resto d'Italia? "A Napoli paghiamo un doppio problema legato a molte aree in cui il disagio sociale è più pressante - risponde Scotti - servirebbe più presenza dello Stato".

Il presidente dell'Ordine dei Medici di Napoli commenta anche le parole del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, sull'aggressione della dottoressa. De Luca che ha ricordato come da un anno c'era la richiesta di un posto di polizia dentro l’ospedale. "Lo scorso anno avevamo incontrato il prefetto e l'allora ministro della Salute Giulia Grillo - replica Scotti - e ci era stato chiesto di fare un elenco degli ospedali napoletani più a rischio per i medici. Noi l'abbiamo fatto e consegnato. Ma sul posto di polizia in ospedale c'è un problema, in passato c'erano ma erano adibiti solo a fini amministrativi come sporgere denuncia. Dovrebbero essere invece più operativi".