Varese, 2 Comuni rischiano di restare senza medico


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 22 lug. (AdnKronos Salute) - Insieme non arrivano a 2 mila abitanti, che presto rischieranno però di restare senza dottore perché il medico di famiglia che li assiste sta per andare in pensione. Accade a Cazzago Brabbia e Inarzo, due piccoli centri in provincia di Varese.

La Regione Lombardia tuttavia rassicura. "Cazzago Brabbia e Inarzo non resteranno senza medico di base", garantisce Emanuele Monti, presidente della Commissione Sanità e Politiche sociali. "In vista del pensionamento dell'attuale dottore a servizio dei due Comuni - spiega in una nota - ci siamo già attivati con il direttore generale dell'Ats Insubria, Lucas Gutierrez, per la sua sostituzione". Già "venerdì ci sarà un tavolo tecnico con i sindaci del territorio per individuare la soluzione migliore e decidere tutti insieme per la sostituzione", annuncia il leghista sottolineando che "l'obiettivo, come Regione Lombardia, è quello di continuare a garantire ai cittadini anche delle realtà più piccole il diritto di avere sul proprio territorio i servizi sanitari basilari, in modo da evitare che i mutuati debbano subire i disagi di andare fino a Varese per una visita medica".

"Dopodiché - aggiunge l'esponente del Carroccio - non posso non constatare che questa situazione nasce, come altre, da una mancata programmazione sanitaria sul personale non solo sanitario-ospedaliero, ma anche su quello di medicina generale, che vede ad oggi circa 200 posti vacanti. Come Regione Lombardia stiamo facendo molto per porre un argine a questa situazione".

"Giusto quest'anno - ricorda Monti - abbiamo triplicato il numero di borse di studio proprio destinate alla medicina generale. Continueremo a lavorare in questo senso - conclude - per poter garantire l'attuale livello di offerta sanitaria e per ampliare sempre di più nel corso del tempo, puntando sulla qualità dovuta ai cittadini lombardi".