Vaiolo scimmie, 1.531 vaccinati in Lombardia, da 1 settembre nuove prenotazioni

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 25 ago. (Adnkronos Salute)() - Sono 1.531 le persone che al 23 agosto risultano essere state vaccinate contro il vaiolo delle scimmie in Lombardia, da quanto è iniziata la campagna di immunizzazione il 10 agosto. E dall'1 settembre riaprono le prenotazioni, alla luce delle nuove dosi messe a disposizione dal ministero della Salute. Lo comunica, in una nota, la direzione generale Welfare della Regione. Il ministero fornirà ulteriori 2.840 fiale di vaccino Jynneos* (la prima tranche era stata di 2.000). Da ciascuna di queste fiale si potranno ricavare fino a 5 dosi, a seguito dell'indicazione del ministero della Salute sulla possibilità di somministrare il vaccino anche per via intradermica sulla superficie interna dell'avambraccio al dosaggio di 0,1 ml.

Dalla mattina di giovedì prossimo sarà dunque possibile prenotare tramite registrazione online sul portale (necessari codice fiscale e tessera sanitaria regionale, il link è https://prenotasalute.regione.lombardia.it). L'offerta, ricorda la Regione, è indirizzata a uomini e persone transgender, residenti o domiciliati in Lombardia, che hanno rapporti sessuali con uomini (Msm) e che hanno avuto comportamenti sessuali a rischio: storia recente con più partner sessuali, partecipazione a eventi di sesso di gruppo, partecipazione a incontri sessuali in locali/club/cruising/saune, recente infezione sessualmente trasmessa (almeno un episodio nell'ultimo anno), abitudine alla pratica di associare gli atti sessuali al consumo di droghe chimiche (chemsex).

La Dg Welfare ha stimato in via prudenziale, vista la particolare esperienza richiesta per questo tipo di dosaggio, che operativamente verranno estratte da ogni fiala una media di almeno 4 dosi con 4.620 posti prenotabili dall'1 settembre (per complessive 9.240 somministrazioni tra prima e seconda dose). Le rimanenti 2.000 sono necessarie per la somministrazione del richiamo ai primi vaccinati.

I vaccini verranno somministrati nei centri vaccinali identificati dalle Ats in ogni provincia e nei Centri per la prevenzione delle infezioni sessualmente trasmesse (centri Ist/Mts) delle Asst/Irccs lombardi, già coinvolti. Le persone con vaccinazione per vaiolo eseguita in infanzia potranno prenotarsi (verrà eseguita una sola dose come da indicazioni nazionali) e analogamente potranno prenotarsi per il completamento del ciclo anche le persone che hanno ricevuto una prima dose all'estero.

Eventuali ulteriori posti che potrebbero risultare disponibili, se il centro vaccinale riuscirà a estrarre con precisione 5 dosi da ogni fiala oppure in relazione alla vaccinazione di persone che necessitano di una sola dose, verranno messi a disposizione successivamente. All'esaurimento di tutte le dosi disponibili, l'azienda regionale Aria attiverà un sistema di preadesione alla vaccinazione in previsione dell'arrivo di ulteriori fiale.

"L'adesione alle vaccinazioni - ha commentato la vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti - è stata alta in agosto, con i primi posti disponibili esauriti in pochi giorni, segnale di una grande consapevolezza sulla necessità di proteggersi. Mi auguro che questa consapevolezza resti alta e che il ministero della Salute ci fornisca presto nuove dosi di vaccino". Il criterio di ripartizione dei vaccini sul territorio regionale, informa la Dg Welfare, segue l'andamento dell'epidemia, con il 71% dei casi registrati fra i residenti nell'Ats Milano.