Vaccino anti HPV: quali sono i messaggi più efficaci da rivolgere ai genitori?


  • Roberta Villa — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Diversi tipi di messaggio sulla vaccinazione anti HPV hanno diversa efficacia nell’aumentare la fiducia dei genitori.
  • In questo studio i messaggi più efficaci sono risultati quelli che enfatizzano i benefici della vaccinazione e sottolineano la necessità di farla a entrambi i sessi, mentre meno efficaci sono risultati quelli che cercavano di rispondere alla principale preoccupazione dei genitori, sottolineando la sicurezza dei vaccini, o prendevano in considerazione la questione dell’obbligo scolastico.
  • Per quanto riguarda la modalità di comunicazione, i messaggi che trasmettono l’idea di un’urgenza di vaccinare i figli risultano controproducenti, mentre i genitori sembrano ben disposti ad accettare messaggi più lunghi e complessi, per cui sarebbe bene che i pediatri prevedessero un tempo adeguato da dedicare a questa attività.

Descrizione dello studio

  • A 1.196 genitori di ragazzi tra i 9 e i 17 anni sono stati mostrati 4 brevi video in cui un pediatra passava diversi tipi di messaggi su uno dei 7 temi riguardanti la vaccinazione anti HPV che normalmente suscitano dubbi od obiezioni. 
  • Dei 7 temi 4 erano relativi a mancate conoscenze (malattie prevenibili con questo vaccino, età a cui è raccomandato, indicazione per maschi e femmine, linee guida nazionali) e 3 rispondevano a preoccupazioni e paure (sicurezza ed effetti collaterali, attività sessuale, accesso a scuola). 
  • Ai genitori è stato poi chiesto quali messaggio aumentavano o riducevano la loro fiducia nelle vaccinazioni.

Risultati principali

  • Argomenti per i genitori di maggiore e minore interesse: rispettivamente sicurezza (44%) e raccomandazioni nazionali (5%).
  • Aumento di fiducia dopo aver visto il video in relazione all’argomento: variabile tra 25 (per i genitori esposti al video sulle richieste scolastiche) e 46% (per i genitori esposti al video sulle malattie prevenibili col vaccino).
  • Aumento di fiducia dopo aver visto il video in relazione al tipo di messaggio: minore se il video trasmetteva urgenza; maggiore dopo video rivolti alle conoscenze che alle paure e dopo video più lunghi e complessi che immediati e semplici.

Perché è importante

  • Per affrontare dubbi e paure dei genitori che si oppongono alle vaccinazioni è importante accumulare un’evidenza scientifica anche riguardo al tipo di comunicazione da preferire.