Vaccino anti-Covid efficace nei trapiantati, Cnt 'infezione cala del 78,7%'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 16 nov. (Adnkronos Salute) - Il vaccino anti-Covid "è efficace anche per le persone trapiantate". E' quanto emerge dal monitoraggio che il Centro nazionale trapianti (Cnt) sta realizzando sulla campagna vaccinale rivolta a questa particolare categoria di pazienti. "Il tasso di incidenza dell'infezione da Sars-CoV-2 nei trapiantati non vaccinati è risultato essere di 0,264 per mille, ma si riduce a 0,056 per mille tra i trapiantati vaccinati, il 78,7% in meno. In pratica, i trapiantati vaccinati corrono un rischio 4,7 volte inferiore di contrarre l'infezione rispetto a chi non si sottopone alla vaccinazione", evidenzia il Cnt.

I dati verranno discussi oggi a Roma agli Stati generali della Rete trapiantologica, la riunione scientifica annuale degli operatori del sistema di donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule del Servizio sanitario nazionale. Per il direttore del Cnt, Massimo Cardillo, "un'efficacia così significativa non era scontata, dato che le persone trapiantate hanno il sistema immunitario compromesso. Quanto evidenziato dal monitoraggio conferma l'assoluta importanza di vaccinarsi. Una necessità che vale per tutti, ma in particolare per chi, come le persone trapiantate o in attesa di trapianto, correrebbe un rischio più alto se contraesse Covid".

"Nel frattempo, la campagna di immunizzazione procede speditamente. Al 21 ottobre scorso il 47,9% dei circa 39mila pazienti con trapianto aveva già ricevuto la terza dose, come da indicazione del ministero della Salute e del Comitato tecnico scientifico, e complessivamente i trapiantati vaccinati erano il 79,6%, più di 31mila persone", evidenzia il Cnt. "Il dato è positivo - commenta Cardillo - perché una quota significativa dei non immunizzati non si è vaccinata per ragioni connesse alle proprie condizioni di salute. In generale, stiamo rilevando un grado elevato di fiducia nella campagna vaccinale e nel lavoro dei centri trapianto che stanno seguendo i pazienti uno ad uno".