Vaccini in diretta all'Ordine medici Milano, 'dovere al di là di obbligo'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 3 nov. (Adnkronos Salute) - "Per quanto riguarda il provvedimento del Governo sui reintegri da novembre degli operatori sanitari non vaccinati contro Covid, noi Ordine dei medici siamo un braccio dello Stato e applichiamo quello che viene disposto. Ma al di là degli obblighi di legge, vaccinarsi per un medico è un dovere etico prima ancora che deontologico, sia per evitare il più possibile di contagiare i propri pazienti sia per evitare di ammalarsi e di gravare sul Servizio sanitario nazionale". Sono le parole del presidente dell'Ordine dei medici di Milano, Roberto Carlo Rossi, che oggi ha deciso anche di passare ai fatti. Nella sede di Omceo Milano è stata organizzata una vaccinazione dimostrativa che coinvolge tutti i consiglieri dell'Ordine. A cominciare dal presidente che oggi si è fatto somministrare davanti alle telecamere e sotto i flash dei fotografi il vaccino anti-influenza, perché aveva già fatto la quarta dose anti-Covid. Le iniezioni scudo somministrate ai vari componenti dell'Ordine sono state, oltre a quarta dose Covid e antinfluenzale, anche l'antipneumococcica e l'anti Herpes Zoster.

L'obiettivo dell'iniziativa è lanciare un messaggio, dice Rossi, "ma non al ministro della Salute Orazio Schillaci, che ritengo sappia bene e sia anche convinto dell'importanza di vaccinarsi - precisa - ma al mondo medico e ai cittadini in generale. Perché qualsiasi persona ha il dovere di vaccinarsi. E che un medico non utilizzi questo strumento preventivo pur avendolo a disposizione è una scelta poco logica e poco deontologica. Noi oggi siamo qua a testimoniare che crediamo fortemente nella vaccinazione".

L'iniziativa è stata messa in campo con la collaborazione del Dipartimento di Igiene e Prevenzione sanitaria dell'Ats Città metropolitana di Milano e dell'Asst Fatebenefratelli-Sacco. "I colleghi vaccinatori", personale medico e infermieristico, "si sono messi a disposizione - sottolinea Rossi - Lo facciamo tutti gli anni, ma quest'anno ha una valenza in più perché vogliamo dimostrare in prima persona che l'importanza di vaccinarsi, con tutti gli strumenti a disposizione che sono tanti, va al di là di ogni obbligo di legge".