Uso degli antibiotici nei bambini: i pediatri fanno scelte più appropriate


  • Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • In un ampio studio condotto nel Wisconsin (USA), le prescrizioni per infezioni delle alte vie aeree da parte dei pediatri sono risultate più aderenti alle raccomandazioni per il corretto uso degli antibiotici rispetto a quelle di altri specialisti.
  • Solo nella prescrizione di antibiotici per l’otite media acuta non si sono rilevate differenze tra le diverse figure professionali.
  • Indipendentemente dalle figure professionali, si è osservata dal 2011 al 2016 una tendenza al miglioramento nell’adesione alle linee guida per faringite e sinusite.

Descrizione dello studio

  • Dai fascicoli sanitari elettronici (2011-2016) del Marshfield Clinic Health System (MCHS), un grande sistema di erogazione di servizi sanitari su base territoriale con più di 50 sedi in diverse parti del Wisconsin, sono stati estratti i dati relativi a 141.361 visite su pazienti
  • L’aderenza alle linee guida sugli antibiotici è stata valutata in relazione alla specializzazione del prescrittore (pediatri, medici di altre specialità, altri operatori sanitari).

Risultati principali

  • Adesione alle linee guida:
    • per faringite: pediatri 66,7%, medici non pediatri 49,1%, altri operatori 52,2% (P
    • per sinusite: pediatri 70,8%, medici non pediatri 63,3%, altri operatori 62,1% (P = 0,48)
  • Antibiotici evitati nelle infezioni respiratorie delle alte vie: pediatri 86,6%, medici non pediatri 80,8%, altri operatori 76,8% (P
  • Prescrizione di antibiotici per faringite senza un test positivo per streptococco di gruppo A: pediatri 15,1%, medici non pediatri 29,4%, altri operatori 27,2% (P
  • Non differenze statisticamente significative tra le diverse figure professionali nella prescrizione di antibiotici per l’otite media acuta.
  • Trend in miglioramento dal 2011 al 2016 nell’adesione alle linee guida per faringite e sinusite.

Perché è importante

  • Si stima che fino alla metà delle prescrizioni di antibiotici in età pediatrica negli Stati Uniti sia inappropriata, un fattore che contribuisce a incrementare il grave problema dell’emergenza di ceppi batterici resistenti.
  • La questione è particolarmente rilevante anche in Italia, tra i Paesi europei con il maggior consumo di antibiotici e la maggior prevalenza di ceppi resistenti per diversi batteri.