Usa, 64% oncologi ginecologici ha subito molestie sessuali


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Chicago, 4 giu. (Dall'inviato dell'AdnKronos Salute Francesco Magg) - Il 64% degli oncologi ginecologici americani ha subito una molestia sessuale durante la formazione o sul lavoro. È quanto emerge da una ricerca condotta dalla Società di oncologia ginecologica americana presentata al congresso Asco (American Society Clinical Oncology) di Chicago. Dall’indagine è emerso che episodi di molestie a sfondo sessuale hanno riguardato il 71% delle donne e il 51% degli uomini. Solo il 10% però ha denunciato gli episodi alle autorità.

"Il problema delle molestie e dei ricatti sessuali è largamente discusso sui media e ha avuto evidenza nel mondo del cinema, dello sport e della musica, ma nel mondo dei medici è limitato ad aneddoti che spesso vengono raccontati dietro porte chiuse - sottolinea Marina Stasenko, autrice della ricerca e specialista del Memorial Sloan Kattering Cancer Center di New York - La disparità di genere esiste tra i camici bianchi anche se ormai le donne sono in numero quasi maggiore rispetto agli uomini. Speriamo che questo lavoro aumenti la sensibilità su questo grave problema che colpisce anche la nostra specialità".

L’indagine è stata condotta su 1566 membri della società scientifica attraverso un questionario a cui hanno risposto in 402 (26%). Le molestie sessuali durante la formazione o l’attività clinica hanno riguardato il 64% di chi ha risposto; tra le principali forme di molestie sono emerse: il ricatto sessuale per favorire la carriera o la formazione, o bassi voti e cattive valutazioni se non si cedeva alle avances.