Uno studio esclude un legame tra i DMARD biologici per le malattie reumatiche e il mieloma multiplo

  • Calip GS & al.
  • Int J Cancer
  • 30/01/2020

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Secondo uno studio caso-controllo annidato in una coorte di quasi 60.000 soggetti, chi assume farmaci antireumatici modificanti la malattia biologici (biologic disease-modifying antirheumatic drug, bDMARD) per malattie reumatiche non è a maggior rischio di sviluppare il mieloma multiplo (MM).

Perché è importante

  • Lo studio esclude la seguente ipotesi: i bDMARD comunemente usati possono essere associati a MM perché sono mirati a proteine e citochine coinvolte nella patogenesi del MM.
  • I risultati sono rassicuranti per i pazienti, sebbene sia giustificata maggiore ricerca.

Disegno dello studio

  • Studio caso-controllo annidato di 287 casi di MM rispetto a 2.760 controlli all’interno di una coorte retrospettiva di 56.886 soggetti trattati per artrite reumatoide, artrite psoriasica o spondilite anchilosante tra il 2009 e il 2015, usando il database delle richieste di rimborso Truven MarketScan.
  • Casi e controlli sono stati appaiati in base a età, sesso e indicazione reumatica.
  • Finanziamento: National Institutes of Health (NIH).

Risultati principali

  • Nessuna associazione tra qualsiasi bDMARD (rispetto a non aver mai usato alcun bDMARD) e rischio di MM.
  • È stato osservato un rischio inverso di MM tra l’uso sia di farmaci sintetici convenzionali con aggiunta di bDMARD e l’uso di soli DMARD sintetici convenzionali (OR=0,52; IC 95%, 0,30–0,88).
  • Nelle analisi di sottogruppo l’uso di un singolo bDMARD (rispetto a non aver mai usato bDMARD):
    • ha evidenziato un’associazione inversa con l’uso di etanercept (OR=0,55; IC 95%, 0,30–1,02), al limite della significatività;
    • ha evidenziato un’associazione positiva con tocilizumab (OR=4,33; IC 95%, 1,33–14,19), ma con un ampio intervallo di confidenza.

Limiti

  • Campione di piccole dimensioni per i risultati relativi a tocilizumab.
  • Basato sui dati delle richieste di rimborso.
  • Disegno retrospettivo osservazionale.