UniMi, 6 docenti Statale Milano tra gli scienziati più citati

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 15 nov. (Adnkronos Salute) - Ci sono 6 docenti dell'Università Statale di Milano nella classifica 'Highly Cited Researchers 2022' di Clarivate Analytics, che gestisce in modo indipendente l'Isi (Institute for Scientific Information) Web of Science, i cui database raccolgono ed elaborano i metadati dalle pubblicazioni scientifiche in tutti i campi della ricerca.

I professori di UniMi che figurano nella lista degli scienziati più citati sono Alberico Catapano, Giuseppe Curigliano, Carlo La Vecchia, Massimo Galli, Salvatore Siena, Giuseppe Viale, informa l'ateneo.

Catapano - ricorda la Statale in una nota - insegna farmacologia al Dipartimento di Scienze farmacologiche e biomolecolari e dirige il Centro di epidemiologia e farmacologia preventiva di UniMi e il Centro per lo studio dell'aterosclerosi presso l'Ospedale Bassini di Cinisello Balsamo e l'Irccs MultiMedica di Sesto San Giovanni. Si occupa di studi su aterosclerosi, lipidi, lipoproteine, dislipidemie genetiche e identificazione di bersagli terapeutici e valutazione di farmaci ipolipemizzanti. Curigliano, docente di oncologia medica al Dipartimento di Oncologia ed Emato-oncologia della Statale, è direttore della Divisione Sviluppo nuovi farmaci per terapie innovative e condirettore del Programma Nuovi farmaci presso l'Istituto europeo di oncologia (Ieo) di Milano, ed è responsabile del reparto Ieo di Degenza medica per i tumori solidi. La sua esperienza clinica è concentrata sullo sviluppo di nuovi farmaci e approcci terapeutici innovativi, con particolare interesse nel trattamento del cancro al seno.

La Vecchia è docente di Statistica medica al Dipartimento di Scienze cliniche e di comunità UniMi e si occupa, tra l'altro, di epidemiologia dei tumori, malattie cardiovascolari, patologie perinatali e altre malattie importanti, oltre alle più recenti indagini sulla diffusione di Covid-19. Galli, già docente di malattie infettive del Dipartimento di Scienze biomediche e cliniche della Statale e primario del reparto Malattie infettive dell'Ospedale Sacco di Milano, è stato un punto di riferimento internazionale nella lotta contro l'Aids e negli ultimi anni ha profuso grande impegno come medico e come studioso, con il suo team di ricerca, su Covid-19.

Siena insegna oncologia medica al Dipartimento di Oncologia ed Emato-oncologia di UniMi e dirige il Niguarda Cancer Center all'Ospedale Niguarda di Milano. Durante la sua pluriennale attività di ricerca, si è occupato in particolare dello sviluppo di nuovi approcci terapeutici destinati al trattamento del tumore al colon-retto. Viale è docente di anatomia patologica presso il Dipartimento di Oncologia ed Emato-oncologia della Statale e direttore del Dipartimento di Anatomia patologica e Medicina di laboratorio dell'Ieo. Tra i suoi interessi di studio e ricerca ci sono i marcatori prognostici e predittivi nel carcinoma mammario, l'anomala espressione di oncogeni e di geni oncosoppressori nelle neoplasie umane e le alterazioni nel controllo del ciclo cellulare e della apoptosi.