Una variazione genetica ST6GAL1 contribuisce alla manifestazione della sindrome mani-piedi indotta da capecitabina e oxaliplatino

  • Antonello Viti De Angelis
  • Notizie Mediche - VDA Net
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

SIF Societa' Italiana di Farmacologia

Una variazione genetica ST6GAL1 contribuisce alla manifestazione della sindrome mani-piedi indotta da capecitabina e oxaliplatino

A cura delle Dott.sse Francesca Gorini e Gloria Ravegnini

La tossicità indotta da farmaci antitumorali è molto spesso causa di discontinuità nel trattamento; in particolare, pazienti oncologici in trattamento con capecitabina e oxaliplatino (XELOX) sviluppano spesso la sindrome mani-piedi (hand-foot syndrome, HFS), una sindrome causata dalla fuoriuscita di piccole quantità di farmaco dai capillari delle mani e dei piedi che danneggia i tessuti circostanti.  La manifestazione di HFS, secondo alcuni studi, è risultata essere associata ad un aumento della Overall Survival (OS) e della Progression Free Survival (PFS) in pazienti affetti da cancro al colon-retto (CRC) e cancro al seno in trattamento con chemioterapici

- Riproduzione riservata e per uso personale
- Scarica il documento completo in formato PDF dal link a fondo pagina