Una nuova metanalisi conferma i rischi oncologici della terapia ormonale in menopausa


  • Roberta Villa — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Una metanalisi sui dati individuali dei partecipanti conferma l’associazione tra terapia ormonale sostitutiva (TOS) in menopausa e aumentato rischio di tumore al seno.
  • In donne di peso medio, che hanno iniziato il trattamento a 50 anni e lo hanno protratto per cinque anni, si riscontra nei vent’anni successivi un tumore in più ogni 50 donne trattate con estroprogestinici (EP), uno ogni 70 in quelle trattate con estrogeni e progestinici intermittenti e uno ogni 200 in quelle trattate con i soli estrogeni (E).

Descrizione dello studio

  • Metanalisi su dati individuali delle partecipanti che hanno partecipato agli studi prospettici su tipi e tempi di somministrazione della TOS, individuati da fonti ufficiali e informali (1992-2018).

Risultati principali

  • Il 51% delle 108.647 donne seguite prospetticamente che hanno sviluppato un tumore al seno (età media 65 anni) avevano assunto TOS.
  • Tra le donne di cui erano disponibili informazioni complete, l’età media della menopausa, coì come dell’inizio della TOS era di 50 anni. La durata media del trattamento era di 10 anni per chi lo aveva i corso, di 7 per chi lo aveva preso in passato.
  • L’uso di qualunque tipo di TOS, tranne gli estrogeni per via vaginale, era associato a un aumento del rischio di tumore al seno rispetto al non uso (primi 1-4 anni di trattamento con EP, RR= 1,60, IC 95% 1,52–1,69; con E, RR= 1,17, IC 95% 1,10–1,26).
  • Il rischio in eccesso cresceva quanto più lungo era il trattamento, raddoppiando dopo i 5 anni (5-14 anni di trattamento con EP, RR= 2,08, IC 95% 2,02–2,15; con E, RR= 1,33, IC 95% 1,28–1,37).
  • L’aumento del rischio persisteva in parte fin dopo dieci anni dall’interruzione della TOS: la sua entità era in relazione alla durata del trattamento, con incrementi minimi se la TOS era stata presa per meno di un anno.
  • Il rischio era maggiore con l’associazione estroprogestinica che con i soli estrogeni.

Perché è importante

  • Sebbene le agenzie regolatorie continuino a raccomandare di usare la TOS solo se e per lo stretto periodo necessario, nella pratica clinica questa continua a essere prescritta a scopo preventivo, e spesso a lungo.