Una bassa espressione del recettore degli ormoni tiroidei alfa-2 è collegata a una maggiore mortalità per tumore mammario

  • Sandsveden M & al.
  • Breast Cancer Res

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Una bassa (rispetto ad alta) espressione del recettore degli ormoni tiroidei alfa-2 (thyroid hormone receptor alpha-2, THRα-2) è associata a una maggiore mortalità per tumore mammario nello studio su dieta e cancro di Malmö (Malmö Diet and Cancer Study, MDCS), uno studio di coorte, di popolazione di 17.035 donne dal 1991 al 1996.

Perché è importante

  • I risultati del primo ampio studio di questo tipo suggeriscono che il recettore agisce come antagonista nella segnalazione della triiodotironina (T3), contrastando così un effetto estrogeno-simile sulle cellule del tumore mammario.

Disegno dello studio

  • Studio di coorte, di popolazione, retrospettivo di 654 pazienti affette da tumore mammario dello studio MDCS con punteggio di espressione di THRα-2 alto e basso in base a microarray e immunoistochimica.
  • Esiti principali: caratteristiche del tumore e mortalità specifica per il tumore mammario.
  • Finanziamento: Università di Lund; Swedish Cancer Society; altri.

Risultati principali

  • Il follow-up mediano è stato di 12,2 anni; intervallo interquartile di 7,7 anni.
  • Le donne con bassa espressione di THRα-2 (rispetto ad alta) hanno evidenziato un numero maggiore di caratteristiche tumorali sfavorevoli:
    • negatività per il recettore degli estrogeni, OR=4,04; IC 95%, 2,28-7,15;
    • tumore di grandi dimensioni (>20-50 mm), OR=2,20; IC 95%, 1,39-3,49.
  • Una bassa espressione di THRα-2 (rispetto ad alta) è risultata associata a una maggiore mortalità specifica per il tumore mammario:
    • HRgrezzo, 1,38; IC 95%, 0,96-1,99;
    • HR corretto per età alla diagnosi. 1,48; IC 95%, 1,03-2,14.
  • L’associazione con una maggiore mortalità specifica per il tumore mammario è scomparsa dopo correzione per un numero maggiore di fattori prognostici, suggerendo che una bassa espressione di THRα-2 non è un predittore indipendente di mortalità per tumore mammario.

Limiti

  • Disegno osservazionale.