Un paziente affetto da un tumore polmonare allo stadio terminale è stato salvato grazie al trapianto di polmone

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Un paziente statunitense affetto da tumore polmonare in stadio IV, sottoposto a doppio trapianto di polmone lo scorso anno, è ancora libero da tumore dopo 6 mesi.

Perché è importante

  • Il trapianto di polmone per il tumore polmonare rimane raro, ma potrebbe rappresentare una potenziale opzione terapeutica per alcuni pazienti che non rispondono ai trattamenti standard.

Punti salienti

  • Il paziente è un uomo non fumatore di 54 anni che presentava tosse e sintomi che si presumeva fossero causati dalla COVID-19. Successivamente gli è stato diagnosticato un tumore polmonare in stadio I.
  • Il trattamento ha subito inizialmente ritardi a causa della pandemia e, nonostante il paziente abbia alla fine ricevuto vari cicli di chemioterapia, il tumore ha subito una rapida progressione allo stadio terminale IV.
  • Fortunatamente il tumore era localizzato al torace, all’interno dei polmoni, e non ha metastatizzato ad altre parti del corpo, rendendo il paziente idoneo al trapianto di polmone.
  • Il paziente è stato operato da chirurghi dell’ospedale Northwestern Medicine di Chicago, in un intervento chirurgico durato 7 ore, il 25 settembre 2021.
  • Sei mesi dopo l’intervento, il paziente non presenta alcun segno di tumore nell’organismo.
  • Il paziente non ha bisogno di ossigeno e sta conducendo una vita normale.