Un lattobacillo probiotico assunto per via orale potrebbe migliorare la clearance dell’HPV

  • Dellino M & al.
  • Res Sq

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Lo studio presentato in questa sintesi è stato pubblicato come prestampa su researchsquare.com e non è stato ancora sottoposto a revisione tra pari.

Conclusioni

  • Un probiotico orale, il Lactobacillus crispatus M247, è associato a un aumento della clearance del papillomavirus umano (human papillomavirus, HPV) e delle anomalie citologiche associate all’HPV.

Perché è importante

  • I lattobacilli sono una parte integrante del microbiota vaginale.
  • Squilibri nel microbiota vaginale potrebbero aumentare la suscettibilità all’infezione da HPV.

Disegno dello studio

  • Ricercatori italiani hanno assegnato casualmente 160 donne sessualmente attive con HPV (età mediana di 45 anni) a ricevere lattobacilli probiotici per via orale ogni giorno per 6 mesi (n=80) oppure un placebo (n=80).
  • Le partecipanti presentavano cellule squamose atipiche di significato indeterminato, lesioni intraepiteliali squamose di basso grado o pap test negativi con positività per HPV-DNA.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Dopo un follow-up mediano di 12 mesi, è stata osservata clearance delle anomalie citologiche correlate all’HPV nel 60,5% delle donne nel gruppo assegnato al probiotico rispetto al 41,3% del gruppo di controllo (P=0,05).
  • Il tasso di clearance totale dell’HPV è risultato del 15,3% nel braccio assegnato al probiotico rispetto al 9,3% nel gruppo di controllo (P=0,34).

Limiti

  • Sperimentazione monocentrica.
  • La clearance spontanea dell’HPV è stata ignorata.
  • La correlazione con i tassi di tumore della cervice rimane poco chiara.