Un intervento migliora l’esecuzione della mammografia nelle sopravvissute a tumori pediatrici

  • Oeffinger KC & al.
  • J Clin Oncol
  • 01/07/2019

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Un semplice intervento che prevede materiali inviati per posta e consulenza telefonica migliora i tassi di mammografia ma non migliora i tassi di RM mammaria nelle sopravvissute a tumori pediatrici ad alto rischio di tumori mammari a causa di precedente radioterapia toracica.
  • La mancanza di una raccomandazione del medico di accompagnamento è citata come l’ostacolo principale all’esecuzione dello screening.

Perché è importante

  • L’American Cancer Society e altri raccomandano uno screening annuale con mammografia e RM mammaria in queste sopravvissute ad alto rischio, che tuttavia spesso non seguono questa raccomandazione.
  • Anche i medici devono raccomandare lo screening direttamente alle proprie pazienti a rischio.
  • In caso di sviluppo di tumori mammari, un nuovo studio associato indica una mortalità maggiore in questo gruppo ad alto rischio rispetto alle donne con malattia de novo.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione randomizzata e controllata EMPOWER (n=204, età 25–50 anni) che ha assegnato sopravvissute a tumori pediatrici a rischio (radioterapia toracica ≥20 Gy) all’intervento o a un controllo per attirare l’attenzione (informazioni inviate per posta, ma senza consulenza sui tumori mammari).
  • Finanziamento: National Institutes of Health (NIH); altri.

Risultati principali

  • Il gruppo sottoposto all’intervento (rispetto ai controlli) ha riferito con maggiore probabilità una mammografia (33,1% vs. 17,6%; rischio relativo [RR]: 1,9; IC 95%: 1,1–3,3), l’esito primario, ma non la RM.
  • L’intervento ha avuto maggiore successo tra le donne di 25–39 anni (RR: 2,2; IC 95%: 1,1–4,7).
  • Gli ostacoli allo screening includevano mancata raccomandazione del medico (citata dal 29,4%–37,5% delle pazienti), costi e assenza di sintomi.

Limiti

  • Gli esami di diagnostica per immagini erano autoriferiti.