Un insieme di segni e sintomi può aiutare a individuare il tumore polmonare più precocemente

  • Prado MG & al.
  • medRxiv

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Lo studio presentato in questa sintesi è stato pubblicato come prestampa su medRxiv.org e non è stato ancora sottoposto a revisione tra pari.

Conclusioni

  • I pazienti affetti da tumore polmonare in un contesto ambulatoriale possono presentare alcuni segni e sintomi prima della diagnosi che li caratterizzano rispetto ad altri pazienti.

Perché è importante

  • Nella maggior parte dei pazienti il tumore polmonare viene diagnosticato in stadio III o IV.
  • L’identificazione precoce della malattia può aiutare a migliorare la prognosi.

Disegno dello studio

  • I ricercatori hanno appaiato i dati delle cartelle cliniche elettroniche (electronic health record, EHR) di 698 pazienti affetti da tumore polmonare con 6.841 soggetti di controllo.
  • L’appaiamento era in base a età, sesso, stato di fumatore e tipo di clinica ambulatoriale visitata.
  • Finanziamento: Cancer Research UK, National Cancer Institute e altri.

Risultati principali

  • Un’analisi multivariata ha identificato 11 segni e sintomi associati in modo significativo al tumore polmonare fino a 12 mesi prima della diagnosi:
    • forma a clava delle dita (finger clubbing; OR=50,1);
    • linfoadenopatia (OR=5,8);
    • tosse (OR=4,7);
    • emottisi (OR=3,5);
    • crepitii o sibili toracici (OR=3,2);
    • calo ponderale (OR=2,9);
    • rachialgia (OR=2,4);
    • dolore osseo (OR=2,3);
    • respiro affannoso (OR=1,9);
    • fatica (OR=1,8) e
    • dolore toracico (OR=1,4).
  • 7 di essi hanno evidenziato un’associazione significativa con il tumore polmonare 6 mesi prima della diagnosi:
    • emottisi (OR=3,2);
    • tosse (OR=3,1);
    • crepitii o sibili toracici (OR=3,1);
    • dolore osseo (OR=2,7);
    • rachialgia (OR=2,5);
    • calo ponderale (OR=2,1) e
    • fatica (OR=1,6).
  • La presenza di una malattia respiratoria cronica non ha influenzato i risultati.

Limiti

  • I dati delle EHR possono essere soggetti a classificazione errata.
  • La definizione di fumatore era molto ampia.