Un coniugato anticorpo-farmaco si rivela promettente nei tumori dello stomaco HER2-positivi già trattati

  • Shitara K & al.
  • N Engl J Med
  • 29/05/2020

  • Jim Kling
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Trastuzumab deruxtecan, un anticorpo anti-HER2 legato a un inibitore citotossico della topoisomerasi I, ha ottenuto miglioramenti della risposta e della sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) come terapia di terza linea in pazienti con tumori dello stomaco HER2-positivi già trattati.

Perché è importante

  • Le terapie di terza linea esistenti ottengono un beneficio limitato in questa popolazione.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 2, multicentrica, in aperto condotta in Giappone e Corea del Sud.
  • 187 pazienti sono stati assegnati casualmente a trastuzumab deruxtecan o alla terapia scelta dal medico (DESTINY-Gastric01).
  • Finanziamento: Daiichi Sankyo.

Risultati principali

  • Trastuzumab deruxtecan è legato a un inibitore citotossico della topoisomerasi I mediante un linker clivato da enzimi sovraespressi nelle cellule tumorali.
  • Rispetto al gruppo trattato con la terapia scelta dal medico, il gruppo trattato con trastuzumab deruxtecan ha ottenuto:
    • un tasso di risposta obiettiva maggiore (51% vs. 14%; P
    • una durata mediana delle risposte obiettive confermate maggiore (11,3 vs. 3,9 mesi);
    • una OS mediana maggiore (12,5 vs. 8,4 mesi; HR per decesso, 0,59; P=0,01);
    • una sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana maggiore (5,6 vs. 3,5 mesi; HR per progressione della malattia o decesso, 0,47; IC 95%, 0,31-0,71).
  • 10 pazienti su 119 nel gruppo trattato con trastuzumab deruxtecan hanno ottenuto una risposta completa rispetto a nessuno nel gruppo trattato con la terapia scelta dal medico.

Limiti

  • Studio in aperto.