Un basso PNI è predittivo di una scarsa sopravvivenza nel tumore nasofaringeo

  • Gundog M & al.
  • Eur Arch Otorhinolaryngol
  • 10/08/2019

  • Brian Richardson, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Secondo uno studio retrospettivo, un basso indice nutrizionale prognostico (prognostic nutritional index, PNI) è associato a una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) inferiore dei pazienti con carcinoma nasofaringeo (nasopharyngeal carcinoma, NPC).

Perché è importante

  • L’identificazione dei fattori prognostici può aiutare a stratificare la selezione del trattamento dei pazienti.

Risultati principali

  • I pazienti con PNI basso (≤45,45) hanno ottenuto un tasso di OS a 5 anni inferiore rispetto ai pazienti con PNI alto (>45,45; 52,9% vs. 79,0%; P=0,03).
  • I pazienti con basso rapporto albumina-globulina (albumin-globulin ratio, AGR; ≤1,19) presentavano un tasso di OS a 5 anni inferiore rispetto ai pazienti con AGR alto (>1,19; 57,7% vs. 82,0%; P=0,04).
  • Età >50 anni (HR: 2,70; IC 95%: 1,091–6,719) e basso PNI (HR: 2,44; IC 95%: 1,009–5,940) erano associati a una OS inferiore nell’analisi multivariata.
  • OS a 5 anni nell’analisi combinata (P=0,004 per rischio basso rispetto ad alto):
    • alto rischio (PNI e AGR bassi), 42.9%;
    • rischio intermedio (PNI basso/AGR alto, PNI alto/AGR basso), 80,3%;
    • basso rischio (PNI e AGR alti), 80,9%.

Disegno dello studio

  • Sono stati inclusi 95 pazienti con NPC non metastatico.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Limiti

  • Studio retrospettivo.
  • Campione di pazienti di piccole dimensioni.