Ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19

  • Antonello Viti De Angelis
  • Notizie Mediche - VDA Net
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Ministero della Salute

Ordinanza 31 gennaio 2022 - Gazzetta Ufficiale n.26 del 01 febbraio 2022

Ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19
 
                      IL MINISTRO DELLA SALUTE
 
  Visti gli articoli 32, 117,  comma  2,  lettera  q),  e  118  della
Costituzione;
  Vista la legge 23 dicembre 1978, n. 833, recante  «Istituzione  del
servizio sanitario nazionale», e, in particolare, l'art. 32;
  Visto l'art. 117 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112,  in
materia di conferimento di funzioni e  compiti  amministrativi  dello
Stato alle regioni e agli enti locali;
  Visto l'art. 47-bis del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300,
che attribuisce al Ministero della salute le funzioni spettanti  allo
Stato in materia di tutela della salute;
  Visto il decreto-legge  25  marzo  2020,  n.  19,  convertito,  con
modificazioni, dalla legge 22 maggio 2020,  n.  35,  recante  «Misure
urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da  COVID-19»  e,
in particolare, l'art. 1, comma 2, lettera hh-bis);
  Visto, altresi', l'art. 2, comma 2,  del  citato  decreto-legge  25
marzo 2020, n. 19;
  Visto il decreto-legge 16  maggio  2020,  n.  33,  convertito,  con
modificazioni, dalla legge  14  luglio  2020,  n.  74,  e  successive
modificazioni, recante «Ulteriori  misure  urgenti  per  fronteggiare
l'emergenza epidemiologica da COVID-19»;
  Visto il decreto-legge 1°  aprile  2021,  n.  44,  convertito,  con
modificazioni, dalla legge  28  maggio  2021,  n.  76,  e  successive
modificazioni,  recante   «Misure   urgenti   per   il   contenimento
dell'epidemia  da  COVID-19,  in   materia   di   vaccinazioni   anti
SARS-CoV-2, di giustizia e di concorsi pubblici»;
  Visto il decreto-legge 22  aprile  2021,  n.  52,  convertito,  con
modificazioni, dalla legge  17  giugno  2021,  n.  87,  e  successive
modificazioni, recante «Misure urgenti per la graduale ripresa  delle
attivita'  economiche  e  sociali  nel  rispetto  delle  esigenze  di
contenimento della diffusione dell'epidemia da COVID-19»;
  Visto il decreto-legge 23 luglio  2021,  n.  105,  convertito,  con
modificazioni, dalla legge 16 settembre 2021, n. 126, recante «Misure
urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19 e per
l'esercizio in sicurezza di attivita' sociali ed economiche»;
  Visto il decreto-legge 6  agosto  2021,  n.  111,  convertito,  con
modificazioni, dalla legge 24 settembre 2021, n. 133, recante «Misure
urgenti per l'esercizio in  sicurezza  delle  attivita'  scolastiche,
universitarie, sociali e in materia di trasporti»;
  Visto il decreto-legge 21 settembre 2021, n. 127,  convertito,  con
modificazioni, dalla legge 19 novembre 2021, n. 165, recante  «Misure
urgenti  per  assicurare  lo  svolgimento  in  sicurezza  del  lavoro
pubblico e  privato  mediante  l'estensione  dell'ambito  applicativo
della certificazione verde COVID-19 e il rafforzamento del sistema di
screening»;
  Visto il decreto-legge 8 ottobre  2021,  n.  139,  convertito,  con
modificazioni,  dalla  legge  3  dicembre  2021,  n.   205,   recante
«Disposizioni  urgenti  per  l'accesso  alle   attivita'   culturali,
sportive e ricreative,  nonche'  per  l'organizzazione  di  pubbliche
amministrazioni e in materia di protezione dei dati personali»;
  Visto il decreto-legge 26 novembre 2021, n.  172,  convertito,  con
modificazioni, dalla legge 21 gennaio 2022,  n.  3,  recante  «Misure
urgenti per il  contenimento  dell'epidemia  da  COVID-19  e  per  lo
svolgimento in sicurezza delle attivita' economiche e sociali»;
  Visto il decreto-legge 24 dicembre 2021, n. 221,  recante  «Proroga
dello  stato  di  emergenza  nazionale  e  ulteriori  misure  per  il
contenimento della diffusione dell'epidemia da COVID-19»,  pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana 24 dicembre  2021,
n. 305,  con  il  quale,  in  considerazione  del  rischio  sanitario
connesso  al  protrarsi  della  diffusione  degli  agenti  virali  da
COVID-19, lo stato di  emergenza  dichiarato  con  deliberazione  del
Consiglio  dei  ministri  del  31  gennaio  2020,  e'   ulteriormente
prorogato fino al 31 marzo 2022;
  Visto, in particolare, l'art. 4, comma 1, del citato  decreto-legge
24 dicembre 2021, n. 221, il quale prevede che «dalla data di entrata
in vigore del presente decreto fino al 31 gennaio 2022, l'obbligo  di
utilizzo dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie,  anche
nei luoghi all'aperto, di cui all'art. 1 del decreto  del  Presidente
del Consiglio dei ministri 2 marzo 2021, trova applicazione anche  in
zona bianca»;
  Visto l'art. 6, comma 2, del citato decreto-legge 24 dicembre 2021,
n. 221, il quale prevede che, dalla data di  entrata  in  vigore  del
medesimo decreto e fino al 31 gennaio 2022, sono sospese le attivita'
che si svolgono in sale da ballo, discoteche e locali assimilati;
  Visto, altresi', l'art. 18, comma 1, del  citato  decreto-legge  24
dicembre 2021, n. 221, il quale prevede che: «Fino al 31  marzo  2022
si applicano le misure di cui al decreto del Presidente del Consiglio
dei ministri 2 marzo 2021, pubblicato nel supplemento ordinario  alla
Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo  2021,  adottato  in  attuazione
dell'art. 2, comma 1, del decreto-legge n. 19 del 2020,  fatto  salvo
quanto previsto dalle disposizioni legislative vigenti, successive al
2 marzo 2021»;
  Visto il decreto-legge 30 dicembre 2021, n.  229,  recante  «Misure
urgenti  per  il  contenimento  della  diffusione  dell'epidemia   da
COVID-19  e  disposizioni  in  materia  di  sorveglianza  sanitaria»,
pubblicato nella Gazzetta  Ufficiale  della  Repubblica  italiana  30
dicembre 2021, n. 309;
  Visto il decreto-legge  7  gennaio  2022,  n.  1,  recante  «Misure
urgenti per fronteggiare l'emergenza  COVID-19,  in  particolare  nei
luoghi di lavoro, nelle scuole  e  negli  istituti  della  formazione
superiore», pubblicato  nella  Gazzetta  Ufficiale  della  Repubblica
italiana 7 gennaio 2022, n. 4;
  Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 2  marzo
2021, recante «Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge  25
marzo 2020, n. 19, convertito,  con  modificazioni,  dalla  legge  22
maggio  2020,  n.  35,  recante  "Misure  urgenti  per   fronteggiare
l'emergenza epidemiologica da COVID-19", del decreto-legge 16  maggio
2020, n. 33, convertito, con modificazioni,  dalla  legge  14  luglio
2020, n. 74,  recante  "Ulteriori  misure  urgenti  per  fronteggiare
l'emergenza epidemiologica  da  COVID-19",  e  del  decreto-legge  23
febbraio 2021, n. 15,  recante  "Ulteriori  disposizioni  urgenti  in
materia di spostamenti sul territorio nazionale per  il  contenimento
dell'emergenza  epidemiologica  da   COVID-19"»,   pubblicato   nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana 2 marzo 2021, n. 52;
  Visto il decreto del  Presidente  del  Consiglio  dei  ministri  17
giugno 2021, recante «Disposizioni attuative dell'art. 9,  comma  10,
del decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52, recante "Misure urgenti  per
la graduale ripresa delle attivita' economiche e sociali nel rispetto
delle esigenze di  contenimento  della  diffusione  dell'epidemia  da
COVID-19"», e successive  modificazioni,  pubblicato  nella  Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana 17 giugno 2021, n. 143;
  Visto il decreto del  Presidente  del  Consiglio  dei  ministri  21
gennaio 2022, recante «Individuazione  delle  esigenze  essenziali  e
primarie per il soddisfacimento  delle  quali  non  e'  richiesto  il
possesso di una  delle  Certificazioni  verdi  COVID-19»,  pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana 24  gennaio  2022,
n. 18;
  Vista l'ordinanza del Ministro della salute 22 giugno 2021, recante
«Ulteriori misure urgenti  in  materia  di  contenimento  e  gestione
dell'emergenza  epidemiologica  da  COVID-19   in   "zona   bianca"»,
pubblicata nella Gazzetta  Ufficiale  della  Repubblica  italiana  23
giugno 2021, n. 148;
  Vista l'ordinanza  del  Ministro  della  salute  28  ottobre  2021,
recante «Ulteriori  misure  urgenti  in  materia  di  contenimento  e
gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19», pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana 30 ottobre 2021, n. 260,
con la quale le misure di cui  alla  citata  ordinanza  del  Ministro
della salute 22 giugno 2021 sono state reiterate fino al 31  dicembre
2021;
  Vista la dichiarazione dell'Organizzazione mondiale  della  sanita'
dell'11 marzo 2020, con la quale  l'epidemia  da  COVID-19  e'  stata
valutata  come  «pandemia»   in   considerazione   dei   livelli   di
diffusivita' e gravita' raggiunti a livello globale;
  Considerato l'evolversi della situazione epidemiologica  a  livello
nazionale e internazionale e il carattere  particolarmente  diffusivo
dell'epidemia da COVID-19;
  Ritenuto  necessario  e  urgente   prevedere,   in   considerazione
dell'attuale andamento dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 e al
fine  di  mantenere  un  adeguato  livello  di  tutela  della  salute
pubblica, misure concernenti l'utilizzo dei dispositivi di protezione
delle vie respiratorie, anche in zona bianca, nonche' in  materia  di
sale da ballo, discoteche e locali assimilati;
 
                              E m a n a
                       la seguente ordinanza:
 
                               Art. 1

 
  1. Fino al 10 febbraio  2022,  e'  fatto  obbligo,  anche  in  zona
bianca, di avere sempre con se' dispositivi di protezione  delle  vie
respiratorie e di indossarli  nei  luoghi  al  chiuso  diversi  dalle
abitazioni private e in tutti i luoghi all'aperto. Sono fatti  salvi,
in ogni caso, i protocolli e le linee  guida  anti-contagio  previsti
per le attivita' economiche, produttive,  amministrative  e  sociali,
nonche' le linee guida per il consumo di cibi e  bevande  nei  luoghi
pubblici o aperti al pubblico.
  2. Non hanno l'obbligo di indossare il  dispositivo  di  protezione
delle vie respiratorie:
    a) i bambini di eta' inferiore ai sei anni;
    b) le persone con patologie o disabilita' incompatibili con l'uso
della mascherina, nonche' le persone che  devono  comunicare  con  un
disabile in modo da non poter fare uso del dispositivo;
    c) i soggetti che stanno svolgendo attivita' sportiva.
  3. Le disposizioni sull'uso dei dispositivi di protezione delle vie
respiratorie sono comunque derogabili esclusivamente in  applicazione
di protocolli validati dal Comitato tecnico-scientifico.
  4. L'uso del  dispositivo  di  protezione  delle  vie  respiratorie
integra e non sostituisce le altre misure di protezione dal  contagio
quali il distanziamento interpersonale e l'igiene costante e accurata
delle mani.  

                               Art. 2
 
  1. Ai fini del contenimento della diffusione del virus  Sars-Cov-2,
fino al 10 febbraio 2022 sono sospese le attivita' che si svolgono in
sale da ballo, discoteche e locali assimilati.

                               Art. 3
 
  1. La presente ordinanza produce effetti a partire dal 1°  febbraio
2022.
  2. Le disposizioni della presente ordinanza si applicano anche alle
regioni a statuto speciale e alle Province autonome di  Trento  e  di
Bolzano.  
  La presente ordinanza e'  trasmessa  agli  organi  di  controllo  e
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.  
    Roma, 31 gennaio 2022  
 
                                                Il Ministro: Speranza

Registrato alla Corte dei conti il 31 gennaio 2022
Ufficio di controllo sugli atti del  Ministero  del  lavoro  e  delle
politiche  sociali,  del  Ministero  dell'istruzione,  del  Ministero
dell'universita' e della ricerca, del Ministero  della  cultura,  del
Ministero della salute, reg. n. 219

- Riproduzione riservata e per uso personale