Ulss6, inaugurata nuova unità riabilitativa ospedale Piove di Sacco


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Padova, 8 nov. (Adnkronos Salute) - Una struttura territoriale in grado di accogliere pazienti in dimissione ospedaliera o provenienti dal proprio domicilio per i quali non sia prefigurabile un percorso riabilitativo ambulatoriale e risulti al tempo stesso inappropriato il ricorso all’ospedalizzazione o al ricovero in strutture residenziali. E' la nuova Unità Riabilitativa Territoriale (Urt) dell’ospedale Immacolata Concezione di Piove di Sacco (Pd), inaugurata oggi dall’assessore alla Sanità e Sociale della Regione del Veneto, Manuela Lanzarin e dal Direttore generale dell’Ulss 6 Euganea, Domenico Scibetta alla presenza di autorità civili, politiche e religiose.

La nuova Urt, situata al terzo piano dell’ospedale - riferisce una nota - è stata realizzata grazie a un investimento complessivo di 400 mila euro della Regione Veneto e andrà a completare la rete dei servizi riabilitativi del Distretto Padova Piovese dell’Ulss 6 Euganea, che può contare oggi su 313 letto complessivi. Di questi, ben 18 sono quelli a disposizione dell’Urt, che consta di stanze da due o tre letti attrezzate con ausili per la mobilizzazione dell’ospite, servizi igienici per persone con disabilità e accesso gratuito a internet. Oltre alle stanze di degenza è presente anche un locale di accoglienza, un’area comune attrezzata a cucina/refettorio, un locale per le attività infermieristiche, uno studio medico e un ambulatorio per le visite, ambedue muniti di postazioni informatiche. Per l’attività di riabilitazione, è disponibile anche una palestra attrezzata, a uso condiviso con il reparto di riabilitazione ospedaliero.

"La nuova Urt nasce in simbiosi - ha sottolineato Scibetta - con i servizi ospedalieri e li rafforza, completando il percorso dell’assistenza che dall’ospedale conduce alle cure territoriali e da lì al domicilio dei pazienti".