Ulss 6, debutta AlzhEste Festival, cantano ospiti Rsa


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Padova, 26 set. (AdnKronos Salute) - Da 'Finché la barca va' a 'Vola colomba', da 'Marina' a 'Romagna mia', da 'La mula de Parenzo' a 'Qui comando io': qual è la colonna sonora della nostra vita? E' con questa domanda che debutta AlzhEste, un particolare Festival canoro che vede protagonisti una quarantina di uomini e donne con malattia di Alzheimer e demenza ospiti di quattro Residenze sanitarie assistite della Ulss 6 Euganea. L'appuntamento è per sabato 28 settembre alle 9.30 al Teatro Farinelli di Este: sul palcoscenico si esibiranno il Coro Astri Nascenti della Contrada dell'Olmo di Montagnana, il Coro Rsa Santa Tecla di Este, il Coro Nonni Vips Csa di Monselice, il Coro Casa di Riposo Beggiato di Conselve, affiancati da volontari che si occuperanno dell'accompagnamento musicale. Direttore artistico e presentatore Oscar Zurlo.

Gli assistiti/cantanti proporranno una trentina di canzoni degli anni Cinquanta, Sessanta e Settanta, melodie di quando erano giovani e in salute. "La musica e il canto sono importanti dispositivi mnemonici e veicoli ideali nel collegarsi a un ricordo o a un'emozione associata a un ricordo. La maggior parte delle persone - spiega il neurologo Lino Pasqui, organizzatore di AlzhEste - rievoca canzoni che suscitano in loro forti sensazioni e sentimenti: questa è una forma di memoria più reattiva, non intenzionale, nota come memoria implicita. Dato che i sistemi di memoria esplicita sono danneggiati dalla demenza, la musica attinge alla parte della memoria che vive nella mente inconscia. E' pertanto importante realizzare progetti che si propongono di creare musica sia d'ascolto che di canto perché ciò può aumentare il grado di benessere sociale ed emotivo compromesso dalla demenza".

Nelle Rsa sono in atto varie esperienze di questo tipo grazie al lavoro costante di psicologi, educatori, logopediste e infermieri. L'intenzione è di riproporre il Festival negli anni a venire, coinvolgendo tutte le Rsa del territorio dell'Ulss 6, i loro assistiti e operatori. A conclusione della giornata si terrà a Este, presso il campo del Patronato Redentore (ore 17), un torneo di calcio dal titolo 'Diamo un calcio all'Alzheimer': un'ulteriore opportunità per sensibilizzare l'opinione pubblica sulle demenze. Sul rettangolo di gioco si sfideranno 'Quelli del Mercoledì', squadra di medici e infermieri dell'Ospedale di Monselice, la Nazionale italiana cuochi e l'Associazione arbitri di Este.