Uil-Fpl, ministero conferma obbligo veterinario Ssn per macellazioni


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 19 feb. (Adnkronos Salute) - Confermato l'obbligo degli allevatori di rivolgersi a veterinari del Servizio sanitario nazionale, o convenzionati, per ispezioni preventive alla macellazione. Lo spiegano Michelangelo Librandi, segretario Generale della Uil-Fpl e Roberto Bonfili, coordinatore nazionale area medica e veterinaria. "Dopo il nostro sollecito - spiegano - sui chiarimenti in merito alle modalità alternative, come lasciato intendere dalla Circolare ministeriale del 10 dicembre di nomina dei veterinari libero professionisti al posto dei veterinari ufficiali per le ispezioni ante-mortem in caso di macellazione d’urgenza, il ministero della Salute conferma l’obbligatorietà per cui gli allevatori dovranno sempre richiedere l’intervento di veterinario ufficiale della Asl, con apposita dichiarazione di conflitto di interessi, a garanzia della terzietà del veterinario che effettua l’ispezione".

"Questa è la strada da mantenere - continuano i sindacalisti - se si vogliono garantire gli standard elevati del modello italiano di Sanità pubblica veterinaria: questa attività non può che essere effettuata dal veterinario ufficiale, ovvero da un veterinario del Ssn dipendente dalle Aziende sanitarie locali o da un veterinario convenzionato con esse, ma non da un libero professionista pagato dalle stesse aziende agricole- concludono i due sindacalisti-altrimenti si rischia un grande conflitto di interesse, con gli allevatori, cioè i controllati, che pagando direttamente i loro veterinari liberi professionisti, potrebbe avere modo di influenzarne le scelte".