Ucraina, appello Smi a medici per disponibilità assistenza profughi

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 11 mar. (Adnkronos Salute)() - "In queste ore il Sindacato medici italiani, con l’arrivo dei profughi dall’Ucraina nel nostro paese, fa un appello ai propri iscritti e a tutti i medici italiani per una piena disponibilità all’assistenza medica di queste persone che fuggono dagli orrori di una guerra orribile e ingiustificata". Così in una nota la segreteria nazionale Smi.

"Nonostante i gravosi carichi di lavoro, non sempre attinenti alla professione del medico, derivanti della pandemia da Covid-19 - prosegue il sindacato - non faremo mancare la nostra solidarietà ai cittadini ucraini, nello spirito di servizio alla collettività che contraddistingue la nostra azione. Siamo, inoltre, molto riconoscenti al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che ha voluto indicare Ludovico Abbaticchio, nostro presidente nazionale, in qualità di Garante regionale dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza come componente della task force dedicata all'accoglienza della popolazione ucraina in Puglia".

"La nostra azione di solidarietà continuerà in tutta Italia senza sosta, per alleviare le sofferenze delle persone e delle loro famiglie che fuggono dalla guerra", conclude la nota.