Tumori nasofaringei: la radioterapia a intensità modulata è migliore secondo una metanalisi

  • Luo MS & al.
  • Medicine (Baltimore)
  • 01/06/2019

  • Brian Richardson, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La radioterapia a intensità modulata (intensity-modulated radiotherapy, IMRT) è associata a esiti in termini di sopravvivenza e controllo della malattia migliori rispetto alla RT conforme nei pazienti con carcinoma nasofaringeo (nasopharyngeal carcinoma, NPC).

Perché è importante

  • I benefici relativi dell’IMRT rispetto alla RT conforme rimangono controversi.

Risultati principali

  • Rispetto alla RT conforme, l’IMRT era associata a un miglioramento:
    • della sopravvivenza complessiva (overall survival, OS; 12 studi; OR=0,51; P
    • del controllo locoregionale (10 studi; OR=0,59; P
    • della sopravvivenza libera da malattia (disease-free survival, DFS; 6 studi; OR=0,77; P=0,002).
    • della sopravvivenza libera da metastasi (8 studi; OR=0,71; P=0,01).

Disegno dello studio

  • Tredici studi che hanno incluso 14.745 pazienti con NPC.
  • Il 68,1% dei pazienti ha ricevuto RT conforme e il 31,9% è stato sottoposto a IMRT.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Limiti

  • Eterogeneità tra gli studi inclusi.
  • Sono stati inclusi solo 1 sperimentazione clinica randomizzata e 1 studio prospettico; tutti gli altri erano studi retrospettivi.