Tumori mammari: successo della supermicrochirurgia robotica per il linfedema in una sperimentazione pilota

  • van Mulken TJM & al.
  • Nat Commun
  • 11/02/2020

  • Pavankumar Kamat
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Una sperimentazione pilota indica che la supermicrochirurgia robot-assistita di alta precisione può essere usata con sicurezza per trattare il linfedema correlato al tumore mammario.  

Perché è importante

  • Il nuovo dispositivo robotico (MUSA; MicroSure) consente ai chirurghi di collegare vasi di anche soli 0,3-0,8 mm di diametro. 

Disegno dello studio

  • Donne con linfedema correlato a tumore mammario sono state assegnate casualmente a supermicrochirurgia con MUSA (n=8) o supermicrochirurgia manuale eseguita da un singolo chirurgo (n=12).
  • La qualità del trattamento chirurgico è stata valutata da 2 microchirurghi, in cieco rispetto ai gruppi di trattamento.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Il linfedema degli arti superiori 1 e 3 mesi dopo l’intervento chirurgico e la qualità della vita (quality of life, QoL) erano comparabili tra gruppi.
  • Una percentuale leggermente maggiore di donne trattate con il MUSA rispetto al gruppo sottoposto a intervento manuale ha potuto interrompere l’uso quotidiano delle maniche a compressione del braccio dopo 3 mesi (87,5% vs. 83,3%).
  • La durata totale dell’intervento chirurgico era maggiore con il MUSA rispetto al gruppo sottoposto a intervento manuale (media: 115 vs. 81 minuti), ma è diminuita drasticamente nel tempo nel gruppo trattato con MUSA.
    • La diminuzione suggerisce una curva di apprendimento nell’uso del robot. 
  • Nessuna paziente ha riportato eventi avversi seri.

Limiti

  • Campione di piccole dimensioni.
  • Il mascheramento delle pazienti non è stato possibile poiché gli interventi sono stati condotti in pazienti coscienti sottoposte ad anestesia locale.