Tumori mammari: la chemioterapia aumenta la sopravvivenza delle pazienti con punteggio di recidiva 26–30

  • Park S & al.
  • Breast Cancer Res
  • 16/10/2019

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La chemioterapia adiuvante è associata a un beneficio in termini di sopravvivenza di anche il 42% rispetto al mancato ricevimento di chemioterapia nelle pazienti di età ≤70 anni affette da tumori mammari con linfonodi negativi e punteggio di recidiva (recurrence score, RS) basato su 21 geni nell’intervallo intermedio superiore pari a 26-30 secondo un’analisi del database Surveillance Epidemiology and End Results (SEER).
  • La chemioterapia determina il beneficio massimo nelle pazienti più giovani o con tumori di grado III.

Perché è importante

  • Si tratta del primo studio della chemioterapia in pazienti con RS intermedio in questo sottoinsieme di valori.
  • Studi precedenti che hanno esaminato i valori di RS intermedi inferiori (16–25) non hanno riscontrato alcun beneficio per la chemioterapia.

Disegno dello studio

  • Coorte retrospettiva di 29.137 pazienti statunitensi con RS pari a 26–30 (periodo 2004–2015) del database SEER.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • Il follow-up medio era di 32 mesi.
  • Le pazienti con RS 26–30 (rispetto alle pazienti con RS 18–25) presentavano una mortalità specifica per il tumore mammario maggiore (HR: 1,81; IC 95%: 1,46–2,26) e una mortalità maggiore (HR: 1,37; IC 95%: 1,19–1,58) dopo correzione per i trattamenti e altri fattori confondenti.
  • Il ricevimento di chemioterapia adiuvante da parte delle pazienti con RS 26–30 (rispetto a mancato ricevimento di chemioterapia) era associato a una mortalità specifica per il tumore mammario inferiore del 32% (HR: 0,68; IC 95%: 0,47–0,99) e una mortalità inferiore del 42% (HR: 0,58; IC 95%: 0,44–0,76).
    • L’analisi di sottogruppo ha evidenziato benefici maggiori della chemioterapia nelle pazienti più giovani, di età ≤56 anni (P ranghi logaritmici = 0,046) o in quelle con tumori di grado III (P ranghi logaritmici = 0,003).

Limiti

  • Disegno retrospettivo osservazionale.