Tumori mammari: il T2DM è legato a una maggiore probabilità di TNBC rispetto ai tumori ER+/HER2-

  • Chen H & al.
  • Cancer Epidemiol Biomarkers Prev
  • 08/08/2019

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La probabilità di tumore mammario triplo negativo (triple-negative breast cancer, TNBC) piuttosto che di malattia positiva per il recettore degli estrogeni/negativa per il recettore del fattore di crescita dell’epidermide umano 2 (estrogen receptor, ER+/human epidermal growth factor receptor 2, HER2) sembra maggiore nelle donne con diabete di tipo 2 (type 2 diabetes mellitus, T2DM), in particolare in caso di uso di metformina.

Perché è importante

  • Varie metanalisi hanno stabilito un’associazione tra T2DM e tumori mammari.
  • Si tratta del primo studio a esaminare la relazione in base al sottotipo di tumore e a esplorare l’effetto degli agenti antidiabetici.
  • I risultati suggeriscono la necessità di uno screening più frequente del tumore mammario nel T2DM.

Disegno dello studio

  • Studio caso-controllo, retrospettivo, multicentrico, di popolazione di 4.557 pazienti con tumore mammario di nuova diagnosi di 2 sedi del database Surveillance, Epidemiology, and End Results (SEER): Seattle, Washington (2004–2015) e Albuquerque, New Mexico (2004–2012).
  • Finanziamento: National Institutes of Health (NIH).

Risultati principali

  • L’anamnesi di T2DM (rispetto alla sua assenza) era associata a un eccesso di rischio del 38% di TNBC (aOR: 1,38; IC 95%: 1,01–1,89) rispetto al sottotipo ER+/HER2.
  • L’anamnesi di T2DM non ha conferito alcun eccesso di rischio (rispetto al sottotipo ER+/HER2) di:
    • sottotipo ER+/HER2+;
    • sottotipo che sovraesprime HER2 (ER/negativo per il recettore del progesterone e HER2+).
  • L’uso di metformina era associato solo a un eccesso di rischio di TNBC rispetto al sottotipo ER+/HER2:
    • uso entro 6 mesi dalla diagnosi (rispetto a pazienti non diabetiche), OR=1,54, IC 95% 1,07–2,22;
    • uso entro 13–24 mesi dalla diagnosi (rispetto a pazienti non diabetiche), OR=1,80, IC 95% 1,13–2,85.

Limiti

  • Popolazione prevalentemente caucasica, aspetto che limita la generalizzabilità.
  • Disegno retrospettivo osservazionale.