Tumori mammari: i dati a 25 anni evidenziano una maggiore mortalità complessiva e a causa di CVD

  • Ramin C & al.
  • J Natl Cancer Inst
  • 07/07/2020

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Rispetto alle donne senza tumori, le donne con tumori mammari sembrano presentare una maggiore mortalità complessiva e una maggiore mortalità correlata a malattia cardiovascolare (cardiovascular disease, CVD) dopo 25 anni di follow-up, secondo questa analisi dello studio di coorte CLUE II.

Perché è importante

  • I medici devono monitorare e trattare le patologie correlate a CVD nelle sopravvissute a lungo termine ai tumori mammari.

Disegno dello studio

  • Studio di coorte, prospettico, di comunità (n=628 donne con tumori mammari e 3.140 partecipanti appaiate in base all’età senza tumori).
  • Finanziamento: National Institutes of Health (NIH); Breast Cancer Research Foundation.

Risultati principali

  • Dopo un follow-up di 25 anni, le sopravvissute al tumore mammario presentavano un rischio complessivo di mortalità superiore di quasi l’80% rispetto alle partecipanti di controllo:
    • aHR=1,79 (IC 95%, 1,53-2,09).
  • Il rischio di mortalità era massimo per le sopravvissute più anziane (età ≥70 anni) con diagnosi risalente a >15 anni prima:
    • aHR=2,69 (IC 95%, 1,59-4,55).
  • La CVD era la causa principale di decesso tra le partecipanti di controllo e la seconda causa principale tra le sopravvissute al tumore mammario.
  • Rispetto alle partecipanti di controllo, le sopravvissute presentavano un rischio superiore del 65% di decesso correlato a CVD a partire da 8 anni dopo la diagnosi:
    • aHR=1,65 (IC 95%, 1,00-2,73).
  • Il rischio massimo è stato osservato: 
    • nelle sopravvissute più anziane, aHR=2,24 (IC 95%, 1,29-3,88);
    • in caso di malattia positiva per i recettori degli estrogeni, aHR=1,85 (IC 95%, 1,06–3,20).

Limiti

  • Studio osservazionale.
  • Impossibile eseguire l’analisi di sottogruppo del tipo di trattamento del tumore mammario.