Tumori mammari: i bifosfonati riducono il rischio di fratture indotte dagli inibitori dell’aromatasi

  • Pineda-Moncusí M & al.
  • J Bone Miner Res
  • 09/10/2019

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Un ampio studio di coorte spagnolo conferma nuovamente il maggior rischio di fratture associato agli inibitori dell’aromatasi (aromatase inhibitor, AI) rispetto al tamoxifene (TAM) usati per trattare il tumore mammario allo stadio iniziale (early breast cancer, eBCa) positivo per i recettori ormonali (hormone receptor, HR+).
  • Nel sottogruppo di pazienti ad alto rischio di fratture trattate con AI i bifosfonati riducono tale rischio di circa il 30%.

Perché è importante

  • I risultati suggeriscono l’importanza della valutazione del rischio di fratture e del trattamento con bifosfonati delle pazienti osteoporotiche affette da eBCa HR+ trattate con AI.

Disegno dello studio

  • Coorte retrospettiva nell’ambito dell’assistenza di base “reale” (n=36.472) di pazienti con eBCa HR+ trattate con AI o TAM del database Sistema catalano per lo sviluppo di ricerca nell’assistenza di base (Sistema de Información para el desarrollo de la Investigación en Atención Primaria, SIDIAP), 2006–2015.
  • Gli HR per le fratture sono stati calcolati in pazienti appaiate in base all’indice di propensione (HR) e mediante un’analisi della sensibilità con correzione per il rischio competitivo di decesso (SHR).
  • Finanziamento: Fondo europeo di sviluppo regionale; National Institute for Health Research; altri.

Risultati principali

  • Il rischio di fratture delle donne in post-menopausa era superiore di circa il 40% nelle pazienti trattate con AI rispetto a quelle trattate con TAM (HR: 1,40; IC 95%: 1,05–1,87 e SHR: 1,48; IC 95%: 1,11–1,98).
  • Nel sottogruppo di pazienti ad alto rischio di fratture in caso di trattamento con AI (dovuto ad osteoporosi; n=4153) i bifosfonati hanno ridotto il rischio di fratture di circa il 30% (HR: 0,73; IC 95%: 0,51–1,04 e SHR: 0,69; IC 95%: 0,48–0,98).

Limiti

  • Disegno retrospettivo osservazionale.
  • Nessun dato sulla gravità o sul grado del BCa.