Tumori mammari allo stadio iniziale: l’ACT standard rimane la scelta migliore per le pazienti anziane

  • Muss HB & al.
  • J Clin Oncol
  • 24/07/2019

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • I risultati a 10 anni della sperimentazione CALGB 49907 confermano i risultati precedenti a 2 anni, ovvero che la chemioterapia adiuvante (adjuvant chemotherapy, ACT) standard è migliore della capecitabina per le donne anziane con tumori mammari allo stadio iniziale.

Perché è importante

  • La chemioterapia adiuvante standard resta il trattamento di elezione per le pazienti anziane con tumori mammari allo stadio iniziale.

Disegno dello studio

  • Pazienti di età ≥65 anni con tumori mammari in stadio I–IIIb (n=633) sono state assegnate casualmente a capecitabina o ACT standard (scelta del medico tra CMF [ciclofosfamide, metotrexato e fluorouracile] o AC [ciclofosfamide e doxorubicina]).
  • La misura di esito primaria era la sopravvivenza libera da recidiva (recurrence-free survival, RFS).
  • Finanziamento: National Institutes of Health (NIH).

Risultati principali

  • Il follow-up mediano era di 11,4 anni.
  • La sopravvivenza libera da recidiva (recurrence-free survival, RFS) stimata a 10 anni era del 55,7% con ACT standard e del 49,7% con capecitabina.
  • Secondo l’analisi multivariata l’ACT standard era migliore della capecitabina in termini di RFS e sopravvivenza specifica per i tumori mammari (breast cancer-specific survival, BCSS), ma non in termini di sopravvivenza complessiva (overall survival, OS):
    • RFS, HR=0,80 (P=0,03);
    • BCSS, HR=0,62 (P=0,03) e
    • OS, HR=0,84 (P=0,16).
  • Nell’analisi di sottogruppo l’ACT standard era migliore della capecitabina nelle pazienti negative per i recettori ormonali (RFS: HR=0,66; P=0,02), ma non nelle pazienti positive per i recettori ormonali (HR=0,89; P=0,43).
  • Con entrambi i trattamenti, è deceduto il 43,9% delle pazienti (il 13,1% a causa di tumori mammari, il 16,4% per altre cause e il 14,1% per cause sconosciute).

Limiti

  • I risultati relativi alla OS sono stati diluiti dai decessi a causa di rischi competitivi.