Tumori mammari allo stadio iniziale, DCIS: i tassi di indurimento della mammella non sono maggiori con la RT ipofrazionata nello studio HYPO del DBCG

  • J Clin Oncol

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La radioterapia (RT) ipofrazionata, rispetto alla radioterapia con frazionamento standard, non è associata a tassi maggiori di indurimento della mammella ≥3 anni dopo l’intervento chirurgico conservativo per tumore mammario allo stadio iniziale con linfonodi negativi o carcinoma duttale in situ secondo la sperimentazione HYPO del Danish Breast Cancer Group.

Perché è importante

  • Si tratta della prima ampia sperimentazione clinica a valutare il rischio a lungo termine di indurimento della mammella della RT moderatamente ipofrazionata (40 Gy in 15 frazioni [fr]) rispetto alla RT standard (50 Gy in 25 Fr).

Disegno dello studio

  • In questa sperimentazione di non inferiorità di fase 3 le pazienti (N=1.882; età >40 anni) sono state assegnate casualmente (periodo 2009-14) a ricevere RT ipofrazionata o standard, con esito primario l’indurimento della mammella.
  • Finanziamento: Danish Cancer Society; altri.

Risultati principali

  • Follow-up mediano di 7,26 anni.
  • Nessuna differenza nei tassi a 3 anni di indurimento della mammella tra gruppo sottoposto a RT standard e gruppo sottoposto a RT ipofrazionata (rispettivamente 11,8% vs. 9,0%; P=0,07).
  • Nessuna differenza tra gruppi in termini di teleangectasia, depigmentazione, aspetto delle cicatrici, edema, dolore o soddisfazione delle pazienti.
  • Nessuna differenza tra gruppi nel rischio a 9 anni di:
    • recidiva locoregionale,
      • 3,3% in caso di RT con frazionamento standard rispetto a 3,0% in caso di RT ipofrazionata;
      • differenza di rischio, -0,3% (IC 95%, da -2,3% a 1,7%); 
    • sopravvivenza complessiva (overall survival, OS),
      • 93,4% in caso di RT con frazionamento standard rispetto a 93,4% in caso di RT ipofrazionata;
      • differenza di rischio, 0% (P=0,93).

Limiti 

  • Il metodo utilizzato per valutare la soddisfazione delle pazienti non è stato specificato.