Tumori glottici: la radioterapia con frazionamento alterato aumenta il controllo locale

  • Oral Oncol

  • Brian Richardson, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La radioterapia con frazionamento alterato (altered-fractionation radiotherapy, ART) è associata a meno eventi di fallimento locale rispetto alla chemioradioterapia (CRT) nei pazienti affetti da carcinoma della glottide allo stadio iniziale (T1/T2) secondo una revisione sistematica e metanalisi.
  • Il beneficio significativo osservato nei tumori in stadio T1 potrebbe non estendersi alla malattia in stadio T2.

Perché è importante

  • L’ART ha precedentemente evidenziato benefici relativi in una popolazione generale di pazienti con tumori della testa e del collo; questo studio dimostra un beneficio specifico nei tumori glottici.

Risultati principali

  • L’ART era associata a meno eventi di fallimento locale rispetto alla CRT in un’analisi di sperimentazioni randomizzate e controllate (randomized controlled trial, RCT; HR: 0,62; P=0,0009) e studi retrospettivi (HR: 0,40; P=0,0003).
  • L’ART con iperfrazionamento (HR: 0,65; P=0,03) e l’ART con ipofrazionamento (HR: 0,55; P=0,02) erano entrambe associate a meno eventi di fallimento locale rispetto alla CRT.
  • Il beneficio dell’ART era significativo negli studi con >50% pazienti con malattia in stadio T1 (HR: 0,49; P50% dei pazienti con malattia in stadio T2 (HR: 0,60; P=0,15).

Disegno dello studio

  • Nella metanalisi sono stati inclusi 11 studi (4 RCT e 7 studi retrospettivi a due gruppi, 1.762 pazienti in totale)
  • Finanziamento: nessuno.

Limiti

  • Inclusione di studi retrospettivi.
  • Numero relativamente limitato di pazienti con malattia in stadio T2.