Tumori ginecologici: sono necessari esami cardiaci di routine prima del trattamento con PLD?

  • Dioun SM & al.
  • Gynecol Oncol
  • 28/09/2019

  • Craig Hicks
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nelle pazienti con tumori ginecologici potrebbero non essere necessari esami cardiaci di routine prima, durante o dopo il trattamento con doxorubicina liposomiale pegilata (pegylated liposomal doxorubicin, PLD).

Perché è importante

  • Il produttore raccomanda valutazioni mediante biopsia endomiocardica, ecocardiografia o una scansione con radionuclidi con acquisizione a gate multipli (multigated acquisition, MUGA) prima e durante il trattamento. I risultati suggeriscono che gli accertamenti potrebbero essere riservati alle pazienti ad alto rischio.

Disegno dello studio

  • I ricercatori hanno analizzato le cartelle cliniche di 235 pazienti (età media di 62±11 anni, il 37% di colore) trattate con PLD per tumori ginecologici.
  • Per valutare l’associazione tra esposizione cumulativa a PLD e cardiotossicità sono stati utilizzati il test della somma dei ranghi con segno di Wilcoxon e la regressione logistica.
  • Finanziamento: National Institutes of Health.

Risultati principali

  • I dati di 56 pazienti in possesso di esami cardiaci sia pre- sia post-trattamento non hanno evidenziato alcuna differenza significativa nella frazione di eiezione mediana (P=0,17).
  • Tre pazienti hanno sviluppato tossicità cardiaca associata a PLD, ma solo 1 paziente aveva sintomi gravi che hanno determinato l’interruzione del trattamento.

Limiti

  • Dati retrospettivi osservazionali.