Tumori gastrici: un alto IMC è legato a una RFS peggiore dopo la gastrectomia

  • Kambara Y & al.
  • World J Surg
  • 28/02/2019

  • David Reilly
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Un alto indice di massa corporea (IMC) è un indicatore prognostico sfavorevole della sopravvivenza libera da recidiva (relapse-free survival, RFS) nei pazienti sottoposti a gastrectomia R0 per tumori gastrici (gastric cancer, GC) in stadio II/III.

Perché è importante

  • L’incidenza dell’obesità continua ad aumentare in tutto il mondo.

Disegno dello studio

  • Studio volto a esaminare la correlazione tra IMC ed esiti dei pazienti con GC in stadio II/III sottoposti a gastrectomia R0 a cielo aperto elettiva.
  • Età mediana dei pazienti di 67,8 anni (intervallo: 31–88 anni).
  • La chemioterapia adiuvante postoperatoria è stata somministrata ai sensi delle linee guida terapeutiche per i tumori gastrici giapponesi.
  • I pazienti sono stati stratificati in base all’IMC:
    • 2, n=64;
    • 18,5–25 kg/m2, n=320;
    • ≥25 kg/m2, n=76.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • RFS a 5 anni in base all’IMC:
    • 2, 47,6%;
    • 18,5–25 kg/m2, 54,3%;
    • ≥25 kg/m2, 40,1%.
  • Nei pazienti con IMC ≥25,0 kg/m2 l’HR per la recidiva era 1,42 (IC 95%: 1,0–2,02; P=0,0423) rispetto ai pazienti con IMC 2.
  • La sopravvivenza era inferiore nei pazienti con IMC >25,0 kg/m2 rispetto a quelli con IMC 2 (P=0,076).
  • Un IMC >25,0 kg/m2 era associato a:
    • durata maggiore dell’intervento chirurgico (P=0,0610);
    • maggiore perdita di sangue (P=0,0003) e
    • numero inferiore di linfonodi asportati (P=0,1894).
  • I pazienti con IMC >25,0 kg/m2 presentavano una maggiore probabilità di sviluppare complicanze postoperatorie, infezioni del sito chirurgico e ascesso intra-addominale.

Limiti

  • Dati retrospettivi.