Tumori gastrici in stadio avanzato: risultati contrastanti in una sperimentazione di fase 3 su pembrolizumab

  • Shitara K & al.
  • JAMA Oncol
  • 03/09/2020

  • Jim Kling
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Pembrolizumab dimostra non inferiorità rispetto alla chemioterapia, con meno effetti avversi, ma non determina alcun beneficio in termini di sopravvivenza negli adenocarcinomi gastrici/della giunzione gastroesofagea ERBB2-negativi in stadio avanzato nell’ambito della prima linea di terapia.

Perché è importante

  • La chemioterapia è associata a una sopravvivenza inferiore a un anno e a tossicità significativa.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione randomizzata e controllata di fase 3 (n=763: pembrolizumab, pembrolizumab più chemioterapia [cisplatino più fluorouracile o capecitabina] o chemioterapia più placebo).
  • Finanziamento: MSD.

Risultati principali

  • Pembrolizumab è risultato non inferiore alla chemioterapia in termini di sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) nei pazienti con punteggio combinato positivo (combined positive score, CPS) per il ligando della proteina di morte cellulare programmata 1 pari o superiore a 1:
    • mediana di 10,6 rispetto a 11,1 mesi;
    • HR=0,91 (IC 99,2%, 0,69-1,18); 
    • margine di non inferiorità, 1,2.
  • Pembrolizumab in monoterapia è risultato non superiore alla chemioterapia nei pazienti con CPS ≥1.
  • Pembrolizumab ha evidenziato un vantaggio in termini di OS rispetto alla chemioterapia nei pazienti con CPS ≥10:
    • 17,4 rispetto a 10,8 mesi;
    • HR=0,69 (IC 95%, 0,49-0,97).
  • Pembrolizumab più chemioterapia non hanno soddisfatto la soglia di superiorità per la OS rispetto alla sola chemioterapia nei pazienti con CPS ≥1 o CPS ≥10.
  • Gli eventi avversi correlati al trattamento di grado 3-5 sono risultati meno frequenti nel gruppo trattato con pembrolizumab (16,9%), seguito dalla chemioterapia (69,3%) e da pembrolizumab più chemioterapia (73,2%).

Limiti

  • Il trattamento con pembrolizumab in monoterapia rispetto alla chemioterapia era in aperto.