Tumori gastrici/della GEJ: la combinazione trastuzumab-deruxtecan ottiene un tasso di risposta del 43%

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • In una sperimentazione di fase 1, in aperto il trattamento con trastuzumab-deruxtecan risulta associato a un tasso di risposta obiettiva (objective response rate, ORR) del 43,2% nei pazienti con tumori gastrici o della giunzione gastroesofagea (gastroesophageal junction, GEJ) HER2-positivi trattati precedentemente con trastuzumab.

Perché è importante

  • Il tasso di risposta non risulta influenzato dall’esposizione precedente a irinotecano, rendendo questo risultato promettente e meritevole di ulteriore valutazione in una sperimentazione di fase 3, secondo un’editoriale di accompagnamento.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione clinica di fase 1, in aperto (n=44).
  • Finanziamento: Daiichi Sankyo Co, Ltd.

Risultati principali

  • Tutti i pazienti hanno sviluppato almeno 1 evento avverso emergente dal trattamento (treatment-emergent adverse event, TEAE), il 64% almeno 1 TEAE di grado 3 e il 9% almeno 1 TEAE grave correlato al farmaco.
  • ORR confermato del 43,2% (IC 95%: 28,3%­­­­–59,0%).
  • Il 79,5% dei pazienti ha ottenuto controllo della malattia (IC 95%: 64,7%–90,2%).
  • La durata mediana della risposta era di 7,0 mesi (IC 95%: 4,4–16,6 mesi). La sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) al cutoff dei dati era di 12,8 mesi (IC 95%: non stimabile).
  • Un’analisi di sottogruppo dei pazienti esposti precedentemente a irinotecano ha evidenziato un ORR del 41,7% (IC 95%: 22,1%–63,4%) e un tasso di controllo della malattia del 79,2% (IC 95%: 57,8%–92,9%).

Limiti

  • Studio in aperto, piccola popolazione di pazienti.