Tumori esofagei: la sorveglianza con PET/TC è utile anche in assenza di sospetto clinico

  • Kim SJ & al.
  • Eur J Nucl Med Mol Imaging
  • 20/06/2019

  • Jim Kling
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La tomografia a emissione di positroni (positron emission tomography, PET)/tomografia computerizzata (TC) con 18F-fluorodeossiglucosio (FDG) individua in modo affidabile la recidiva del carcinoma esofageo anche in assenza di indicazioni cliniche.

Perché è importante

  • Circa la metà dei tumori esofagei subisce recidiva entro 2 anni dal trattamento chirurgico con intento curativo.
  • La PET/TC con FDG ha dimostrato di essere utile negli studi in cui si sospettava recidiva.

Disegno dello studio

  • Analisi retrospettiva di 782 scansioni PET/TC con FDG di 375 pazienti presso un singolo istituto.
  • Una scansione PET/TC è stata ritenuta negativa se la recidiva non è stata diagnosticata entro 6 mesi.
  • Finanziamento: Ministero della Salute e del Welfare, Corea.

Risultati principali

  • La scansione PET/TC con FDG possedeva una sensibilità del 100% e una specificità del 94,0%.
  • Il valore predittivo positivo era del 59,8%, con un rapporto di verosimiglianza positivo di 16,7.
  • Il valore predittivo negativo era del 100% e il rapporto di verosimiglianza negativo era 0.
  • Quando i ricercatori hanno condotto le analisi in base allo stadio del tumore non è emersa alcuna differenza significativa tra gruppi nella sensibilità, specificità o accuratezza della PET/TC con FDG.
  • La PET/TC con FDG ha evidenziato un PPV maggiore nei tumori in stadio II o III rispetto a quelli in stadio I (67,1% vs. 39,3%; P=0,010).

Limiti

  • Studio retrospettivo, popolazione coreana presso un singolo istituto.