Tumori: diagnosi precoce a utero con tecnologia Blockchain, al via progetto


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 4 dic. (AdnKronos Salute) - Un progetto di ricerca per la diagnosi dei tumori all'utero nelle fasi iniziali basato sulla tecnologia Blockchain "con la previsione di raggiungere una accuratezza del 90% delle diagnosi, superando gli attuali livelli di accuratezza di analisi quali il Pap test, che si attestano al 60-70% circa". Lo ha annunciato la società inglese Lancor Scientific, attiva nello sviluppo di soluzioni tecnologiche per la diagnosi precoce dei tumori. Il progetto sarà condotto in Austria in collaborazione con l’Università di Tecnologia di Graz, la facoltà di Medicina di Graz e la Sigmund Freud University di Vienna.

Lancor sta sviluppando un 'tool' basato su Blockchain e intelligenza artificiale che utilizzerà dati rilevati su una estesa popolazione di pazienti, attraverso il Laboratorio di diagnostica per immagini situato presso l’università di Graz, che si basa su tecnologie opto-magnetiche proprietarie di Spettroscopia per immagini (Omis). l tool di Lancor in fase di sviluppo è simile al Lymph Node Assistant (Lyna) di Google, algoritmo di machine learning per diagnosticare il tumore al seno, annunciato nello scorso ottobre dalla società di 'mountain view', anch’esso basato su algoritmi di intelligenza artificiale e anch’esso mirante a una accuratezza diagnostica superiore al 90%.

I dati dei pazienti saranno processati attraverso la piattaforma blockchain di Lancor Scientific (Lbp-Lancor Blockchain Platform), architettura basata su catene di blocchi, che offre l’opportunità di rilevare e conservare dati personali certificabili e verificabili, con evidente aumento dell’affidabilità d’insieme dei dati su cui si basano le diagnosi e, insieme, risolvere potenzialmente una delle questioni fondamentali sollevate dall’Oms relativa al 'trattamento oncologico centrato sul paziente', attraverso la proprietà personale dei dati dei pazienti.

"Per lo svolgimento del progetto di ricerca in Austria, Lancor Scientific ha costituito una consociata in loco, con il supporto di Aba – Invest in Austria, società governativa facente capo al ministero federale austriaco per la Digitalizzazione e l’economia, con il compito di fornire ai potenziali investitori consulenza e informazioni a titolo gratuito, sostenendo le imprese interessate a internazionalizzare in Austria", sottolinea la nota di Aba-Invest in Austria.

"Il progetto di ricerca di Lancor Scientific avrà durata di 5 anni, periodo in cui sarà sostenuto da finanziamenti pubblici austriaci. Il lancio sul mercato del dispositivo per la diagnosi precoce del tumore - conclude la nota - è atteso nel 2019 e la società prevede di realizzare circa 10 mila dispositivi nei prossimi cinque anni".