Tumori delle vie biliari - Linea guida edizione 2018


  • Notizie Mediche - VDA Net
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

AIOM Associazione Italiana di Oncologia Medica

Tumori delle vie biliari - Linea guida edizione 2018

Il carcinoma delle vie biliari è un gruppo eterogeneo di tumori altamente maligni comprendente i carcinomi della colecisi e dell’ampolla di Vater ed i colangiocarcinomi intraepatico, extraepatico ilare (tumore di Klatskin-Altemeier) ed extraepatico distale.

In Italia rappresenta l’1% delle nuove diagnosi di neoplasia, e l’1 e il 3% della mortalità oncologica rispettivamente nel sesso maschile e femminile. Per l’anno 2016 l’Associazione Italiana dei Registri dei Tumori (AIRTUM) stimava 2300 nuovi casi nella popolazione maschile e 2400 nella popolazione  femminile, corrispondenti ad un tasso grezzo d’incidenza rispettivamente di 7,8 e 7,7 nuovi casi/100.000 residenti/anno. Il rischio cumulativo, ovvero la probabilità di ammalarsi nel corso della vita, è pari a 1 su 132 nel genere maschile e 1 su 144 nel genere femminile [I Numeri del Cancro in Italia, 2016].

Nel triennio 2005-’07 la sopravvivenza a 5 anni si attestava al 18% nel sesso maschile e al 21% nel sesso femminile [I Numeri del Cancro in Italia, 2016].

L’analisi dell’incidenza normalizzata sulla Popolazione Standard Europea dimostra per il carcinoma delle vie biliari un’inversione del gradiente geografico Nord-Sud, caratteristico della maggioranza delle neoplasie gastroenteriche, con un differenziale a carico del Sud Italia di +18% rispetto al Nord nella popolazione maschile e di +23% nella popolazione femminile. Sul piano temporale, a partire dalla fine degli anni ’90 l’incidenza ha mostrato un trend decrementale nel sesso femminile, mentre nel sesso maschile non ha subìto apprezzabili variazioni; parimenti, nello stesso periodo considerato, la mortalità si è ridotta nel solo genere femminile.

La stratificazione del rischio per età, pressoché nullo sino ai 40 anni, a partire dalla V decade evidenzia un incremento costante dell’incidenza, raggiungendo i valori massimi nell’età avanzata, oltre i 65 anni - Riproduzione Riservata - Scarica il file completo in versione PDF