Tumori dell'urotelio - Linea guida edizione 2018


  • Notizie Mediche - VDA Net
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

AIOM Associazione Italiana di Oncologia Medica

Tumori dell'urotelio - Linea guida edizione 2018

In Italia nel 2017 sono stati registrati 27.000 nuovi casi di tumore della vescica (21.700 tra gli uomini e 5.300 tra le donne), pari al 7% di tutti i tumori incidenti [1]. Il trend di incidenza in Italia é in diminuzione in maniera significativa negli uomini (-1,1% per anno) e stabile nelle donne (+0,3% per anno).

Al momento della diagnosi il 70% circa dei tumori uroteliali è di tipo superficiale (non infiltra cioè la tonaca muscolare) mentre il restante 30% si presenta già con infiltrazione della tonaca muscolare. Dei pazienti trattati con cistectomia radicale, il 57% circa ha una malattia infiltrante la muscolatura già al momento della diagnosi, mentre il restante 43% sviluppa questa condizione in un momento successivo, nonostante i trattamenti effettuati [2].

Età: il tumore della vescica è il quarto tumore per frequenza negli uomini con percentuali pari a 6%, 10% e 12% nelle fasce di età 0-49 anni, 50-69 anni e 70+ anni, rispettivamente. Nelle donne la neoplasia è meno frequente ed è responsabile dell’1% di tutti i tumori femminili nelle stesse fasce di età [1].

Area Geografica: l’incidenza negli uomini mostra i valori più elevati nelle regioni del sud (tasso standardizzato pari a 83.2 per 100.000 abitanti) rispetto al nord e centro Italia (78.6 e 66.9 per 100.000, rispettivamente); nelle donne l’incidenza è molto più bassa e mostra valori più omogenei nelle aree esaminate (14.9 al nord, 12.4 al centro e 12.7 al sud) [1].

Mortalità: nel 2014 in Italia ci sono stati 5.610 decessi per tumore della vescica, pari al 3% dei decessi per tumore: 4369 negli uomini (4,4%) e 1241 nelle donne (1,5%). Il trend di mortalità é in lieve calo negli uomini (- 1% per anno) ed in lieve aumento nelle donne (+1,4% per anno) [1].

Sopravvivenza: il tumore della vescica (nel suo complesso, superficiale ed infiltrante) mostra una sopravvivenza a 5 anni pari a 79%, senza significative differenze di genere (80% negli uomini, 78% nelle donne) [3]. Esiste, invece, un gradiente per età: la sopravvivenza a 5 anni è pari al 96% nei giovani (

Prevalenza: nel 2016 in Italia sono state stimate 296.000 persone vive con una pregressa diagnosi di tumore della vescica (240.000 uomini e 56.000 donne). I tassi di prevalenza per 100.000 abitanti, sono mediamente più elevati al nord rispetto al sud sia negli uomini che nelle donne, anche se nel sesso maschile sono le regioni del centro che presentano i valori più bassi (587 casi per 100.000). Oltre il 60% dei casi prevalenti ha affrontato la diagnosi da oltre 5 anni. La proporzione maggiore di casi si osserva nella fascia di età 75+ (1984 casi per 100.000 abitanti). - Continua a leggere scarica il documento completo in formato PDF