Tumori cerebrali pediatrici: i recenti progressi dell’immunoterapia

  • Wang SS & al.
  • Trends Immunol
  • 19/06/2019

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Questa revisione si concentra sui recenti progressi nell’inibizione del checkpoint immunitario, nella terapia con cellule T con recettore antigenico chimerico (chimeric antigen receptor, CAR) e nella terapia vaccinale in bambini con glioma di alto grado (high-grade glioma, HGG).

Perché è importante

  • I tumori cerebrali sono i tumori solidi pediatrici più comuni e rappresentano la causa principale della mortalità correlata al cancro infantile.

Punti salienti

  • Inibizione del checkpoint immunitario
    • Nei tumori cerebrali senza sindromi da ipermutazione germinale gli inibitori del checkpoint immunitario non hanno dimostrato efficacia.
    • Le sperimentazioni hanno riportato stabilità della malattia con inibizione del checkpoint immunitario, prevalentemente in combinazione con terapie aggiuntive.
  • Terapia con cellule T CAR
    • Le sperimentazioni hanno coinvolto per la maggior parte pazienti adulti con glioblastoma multiforme; 1 sperimentazione ha incluso un piccolo sottogruppo di pazienti pediatrici.
    • Il rapporto rischio-beneficio deve essere soppesato attentamente.
  • Vaccini terapeutici
    • Diversi vaccini hanno dimostrato risultati promettenti negli studi preclinici, che non sono stati ancora tradotti in ambito clinico.
    • Una sperimentazione di fase 1 con rindopepimut in bambini affetti da glioma diffuso della linea mediana (diffuse medline glioma, DMG) è stata interrotta a causa dell’arruolamento lento.
    • La terapia mirata alla mutazione driver nel gene H3F3A dell’istone H3 ha dimostrato risultati preclinici promettenti nel glioma diffuso della linea mediana.
  • Barriera emato-encefalica (blood-brain barrier, BBB)
    • L’efficacia parziale degli inibitori del checkpoint immunitario ipilimumab e pembrolizumab nel melanoma con metastasi cerebrali o nel tumore del polmone non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) indica che questi farmaci potrebbero attraversare la BBB quando il cervello è in uno stato patologico.