Tumori, all'Irccs Ifo Roma primo centro di protonterapia del Centro Italia

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 24 feb. (Adnkronos Salute) - Nascerà all'Irccs Ifo Regina Elena San Gallicano di Roma il primo centro di protonterapia del Centro Italia. La struttura fa parte del progetto di riorganizzazione e investimento di Ifo sarà finanziata dalla Regione Lazio con 13,3 milioni di euro da Pnrr per l'acquisto di grandi macchinari e circa 25 milioni per il potenziamento della radioterapia e la realizzazione del centro stesso. La presentazione oggi a Roma con l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato, e il direttore generale Marina Cerimele, i direttori scientifici del Regina Elena e del San Gallicano, Gennaro Ciliberto e Aldo Morrone, e il presidente della Commissione regionale Sanità, Rodolfo Lena.

"Oggi - ha affermato D'Amato - presentiamo un Piano di investimenti importante da circa 40 milioni di euro destinati al potenziamento tecnologico dell'Ifo Regina Elena San Gallicano, che permetterà di compiere un netto cambio di passo nella lotta ai tumori. Grazie ai 13,3 milioni di euro di finanziamenti previsti dal Pnrr apriamo una stagione di grandi investimenti per l'acquisto di 13 grandi macchine (2 tomografi a risonanza magnetica, 3 acceleratori lineari, 1 gamma camera, 1 Pet Tc, 1 mammografo con tomo sintesi, 1 angiografo vascolare, 3 Eco tomografi e 1 telecomandato digitale) per gli Ifo, e a questi si aggiunge la notizia dell'approvazione del nucleo di valutazione nazionale del ministero della Salute del piano di investimenti che prevede un finanziamento di circa 25 milioni per la realizzazione del primo centro di protonterapia per il Centro Italia. Ora dobbiamo fare squadra tutti insieme, esattamente come abbiamo fatto durante il Covid, per lavorare spediti e determinati a realizzare una nuova sanità che guarda ai bisogni delle persone e alla riduzione delle diseguaglianze".

"Con i finanziamenti del Pnrr - ha sottolineato Cerimele - risponderemo con più forza e responsabilità alla domanda dei pazienti fragili, al fine di garantire equamente percorsi di cura personalizzati e accessibili, formare i caregiver e promuovere collegamenti efficaci ed efficienti tra ospedale e territorio. Andremo a facilitare le dimissioni protette del paziente fragile, grazie all'assistenza continua da parte dell'ospedale nel primo periodo e a seguire con l'affidamento a équipe territoriali".

E' previsto in Ifo una Centrale operativa territoriale (Cot), hub tecnologicamente avanzato per la presa in carico del cittadino e per il raccordo tra servizi e soggetti coinvolti nel processo assistenziale: attività territoriali, sanitarie e sociosanitarie, ospedaliere e della rete di emergenza-urgenza.

"Coinvolgeremo i medici di medicina generale, che hanno un ruolo centrale - ha evidenziato Cerimele - e prevediamo la loro integrazione nei nostri Disease Management Team, gruppi multidisciplinari di esperti che si confrontano per il migliore percorso di diagnosi e cura da offrire al paziente oncologico. Ripensiamo l'organizzazione e puntiamo alla presa in carico a 360 gradi dei nostri pazienti attraverso: apertura di un ambulatorio attivo 7 giorni su 7 e un'unità di degenza per le urgenze/emergenze dei pazienti, un ambulatorio di cure palliative e cure domiciliari, infine l'attivazione dell'Hospice Ifo entro i prossimi 3 anni".