Tumore vescicale: pembrolizumab come switch terapeutico di mantenimento evidenzia risposta e prolunga la PFS

  • Galsky MD & al.
  • J Clin Oncol
  • 09/04/2020

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nei pazienti con tumore uroteliale metastatico, l’avvio della terapia con pembrolizumab subito dopo il completamento della chemioterapia di prima linea dimostra una buona risposta e prolunga la sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS).

Perché è importante

  • In questo quadro è stata recentemente approvata la terapia di mantenimento con avelumab.
  • Questi risultati confermano anche la strategia di switch terapeutico per la terapia di mantenimento in questi pazienti.

Disegno dello studio

  • Studio di fase 2, in doppio cieco GU14-182: 108 pazienti con tumore uroteliale metastatico che avevano ottenuto malattia stabile o risposta parziale con la chemioterapia a base di platino di prima linea sono stati assegnati casualmente a pembrolizumab (n=55) o placebo (n=53).
  • Finanziamento: MSD; Tisch Cancer Institute Cancer Center.

Risultati principali

  • Il follow-up mediano era di 12,9 mesi.
  • Nel gruppo trattato con pembrolizumab rispetto al gruppo placebo:
    • il tasso di risposta obiettiva era del 23% rispetto al 10%;
    • il tasso di risposta completa era del 9% rispetto allo 0%;
    • il tasso di eventi avversi correlati al trattamento di grado 3-4 era del 59% rispetto al 38%;
    • la PFS mediana era di 5,4 rispetto a 3,0 mesi (HR=0,65; P ranghi logaritmici=0,04; P test di robustezza di massima efficienza=0,039);
    • la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana era di 22 rispetto a 18,7 mesi.
  • Nessuna interazione significativa tra punteggio combinato positivo ≥10 per il ligando 1 della proteina di morte cellulare programmata e gruppo di trattamento, né per la PFS (P=0,8) né per l’OS (P=0,9).

Limiti

  • Sottogruppi con campioni di piccole dimensioni.