Tumore vescicale non muscolo invasivo: la linfadenectomia migliora la sopravvivenza

  • Khanna A & al.
  • J Urol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Una dissezione linfonodale (lymph node dissection, LND) di maggiore estensione durante la cistectomia radicale di pazienti affetti da tumore vescicale non muscolo invasivo (nonmuscle-invasive bladder cancer, NMIBC) è associata a una migliore sopravvivenza.

Perché è importante

  • Le linee guida consigliano la LND per i pazienti affetti da tumore vescicale muscolo invasivo, ma sono disponibili dati limitati sul ruolo della LND al momento del trattamento chirurgico nei pazienti affetti da NMIBC.

Disegno dello studio

  • 1.647 pazienti affetti da NMIBC sottoposti a cistectomia radicale tra il 1980 e il 2018.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Il follow-up mediano dopo la cistectomia radicale è stato di 4,1 anni.
  • La resa dei linfonodi (lymph node yield, LNY) mediana è stata pari a 15.
  • I pazienti con una LNY >10 hanno evidenziato una sopravvivenza libera da recidiva pelvica locale a 5 anni significativamente maggiore rispetto a quelli con LNY ≤10 (93,7% vs. 91%; P=0,003).
  • I pazienti con una LNY >20 hanno evidenziato una sopravvivenza tumore-specifica a 5 anni (86,7% vs. 78,4%; P=0,002) e una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) a 5 anni (75,4% vs. 65,3%; P<0,001) significativamente maggiori rispetto a quelli con LNY ≤20.
  • Una LNY >10 è risultata associata a un rischio inferiore di recidiva pelvica locale rispetto a una LNY ≤10 (HR=0,63; P=0,02).
  • Una LNY >20, rispetto a ≤20, è risultata associata a migliore:
    • sopravvivenza tumore-specifica (HR=0,67; P=0,002);
    • OS (HR=0,75; P<0,001).

Limiti

  • Studio retrospettivo.