Tumore vescicale metastatico: la radioterapia locale con chemioterapia può migliorare la sopravvivenza

  • Fischer-Valuck BW & al.
  • Eur Urol Oncol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Chemioterapia più radioterapia locale sono associate a una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) migliore dei pazienti affetti da carcinoma uroteliale metastatico di nuova diagnosi rispetto alla sola chemioterapia.

Perché è importante

  • I risultati suggeriscono la valutazione prospettica della radioterapia locale con chemioterapia in questi pazienti.

Disegno dello studio

  • 4.459 pazienti affetti da carcinoma uroteliale metastatico di nuova diagnosi trattati con chemioterapia da sola (n=4.122) o in combinazione con radioterapia diretta alla vescica (n=337) tra il 2004 e il 2015.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • La OS mediana è stata di 13,8 mesi con chemioterapia più radioterapia e di 8,4 mesi con sola chemioterapia.
  • Chemioterapia più radioterapia sono risultate associate in modo indipendente a una OS migliore (HR=0,70; P<0,0001).
  • Nelle analisi di sottogruppo, chemioterapia più radioterapia hanno migliorato la OS dei pazienti con:
    • nessuna comorbilità (P=0,001);
    • tumori primitivi non localmente avanzati (P<0,0001);
    • tumori localmente avanzati (P=0,02);
    • malattia con linfonodi clinicamente negativi (P=0,002);
    • malattia con linfonodi clinicamente positivi (P=0,008).

Limiti

  • Studio retrospettivo.