Tumore uroteliale dell’alta via escretrice: la radioterapia non evidenzia alcun beneficio in termini di sopravvivenza

  • Zhao X & al.
  • Urol Oncol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nei pazienti affetti da tumore uroteliale dell’alta via escretrice la sola radioterapia peggiora gli esiti e la radioterapia adiuvante non evidenzia alcuna associazione con la sopravvivenza.

Perché è importante

  • Le linee guida del 2020 sul carcinoma uroteliale dell’alta via escretrice dell’European Association of Urology non contenevano conclusioni in merito all’uso della radioterapia adiuvante.
  • Studi sull’uso della radioterapia hanno riportato risultati contrastanti.

Disegno dello studio

  • Una metanalisi di 17 studi pubblicati tra il 1995 e il 2021 che ha incluso 25.906 pazienti affetti da carcinoma uroteliale dell’alta via escretrice.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • Complessivamente, la radioterapia è risultata associata a una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) significativamente peggiore (HR aggregato=1,28; P=0,0009).
    • La radioterapia adiuvante non è risultata associata all’OS (HR aggregato=1,38; P=0,10).
    • La sola radioterapia è risultata associata a una OS significativamente peggiore (HR aggregato=1,25; P=0,001).
    • La radioterapia non ha evidenziato alcuna associazione con l’OS dei pazienti privi di metastasi (HR aggregato=1,09; P=0,65) ed è risultata associata a una OS significativamente peggiore dei pazienti con tumori in stadio misto (HR aggregato=1,36; P<0,00001).
  • La radioterapia è risultata associata a una peggiore sopravvivenza tumore-specifica (HR aggregato=1,47; P<0,00001).
  • La radioterapia adiuvante non ha evidenziato alcuna associazione con la sopravvivenza libera da recidiva locale (HR aggregato=1,40; P=0,06), la sopravvivenza libera da recidiva (HR aggregato=1,19; P=0,68) o la sopravvivenza libera da metastasi (HR aggregato=1,37; P=0,65).

Limiti

  • Tutti gli studi inclusi erano di tipo retrospettivo.
  • Eterogeneità tra gli studi.