Tumore tiroideo differenziato: nessun beneficio in termini di RFS per la ripetizione del trattamento con iodio radioattivo in ambito adiuvante

  • Bouvet C & al.
  • Front Endocrinol (Lausanne)
  • 01/01/2019

  • Brian Richardson, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La terapia adiuvante con iodio radioattivo (radioactive iodine, RAI) non è associata a una migliore sopravvivenza libera da recidiva (recurrence-free survival, RFS) dei pazienti con tumore tiroideo differenziato (differentiated thyroid cancer, DTC) trattati inizialmente con tiroidectomia totale e RAI e successivamente sottoposti a ulteriore trattamento chirurgico per malattia localmente persistente o recidivante.

Perché è importante

  • Il ruolo della terapia adiuvante a base di RAI dopo la ripetizione del trattamento chirurgico è controverso.

Risultati principali

  • Il 36,5% dei pazienti ha sviluppato recidiva della malattia dopo la ripetizione del trattamento (RFS mediana: 15,9 anni).
  • Un’età >55 anni era associata a una RFS inferiore nell’analisi multivariata (HR: 3,9; P
  • Il ricevimento di terapia adiuvante a base di RAI non era associato in modo significativo alla RFS (P=0,11); risultati simili sono stati osservati dopo appaiamento in base all’indice di propensione (P=0,54).

Disegno dello studio

  • Sono stati analizzati gli esiti in termini di RFS e i fattori associati di 85 pazienti affetti da DTC localmente persistente/ricorrente, il 58% trattato nuovamente con la ripetizione dell’intervento chirurgico e RAI adiuvante e il 42% sottoposto solo a un nuovo intervento chirurgico.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Limiti

  • Studio con disegno retrospettivo.
  • Campione di pazienti di piccole dimensioni.